Salta al contenuto principale

Deteneva diverse opere d'arte e oggetti preziosi
Procura avvia accertamenti su sacerdote vibonese

Calabria

Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

VIBO VALENTIA - Un fulmine a ciel sereno scuote la città di Serra San Bruno e la diocesi di Squillace-Catanzaro. La Procura della Repubblica di Vibo Valentia, nella persona del Pm Vittorio Gallucci, sta indagando nei confronti di don Gerardo Letizia, parroco in pensione di Serra San Bruno ipotizzando il reato di appropriazione indebita e omessa comunicazione al ministero dei Beni Culturali della movimentazione di opere d’arte di proprietà della chiesa. 

Le indagini, condotte dagli uomini della Compagnia Carabinieri della cittadina montana del Vibonese, avevano avuto avvio a seguito di alcune segnalazioni anche anonime. Il personale dell'Arma guidato dal capitano Stefano Esposito Vangone avrebbe pertanto preso in consegna il registro dei beni di proprietà della chiesa di “San Biagio” custodito negli uffici del Ministero e, al fine di accertare se ci fossero opere ecclesiastiche mancanti, ha poi proceduto ad effettuare una perquisizione nell’abitazione del prete che avrebbe portato al rinvenimento di diverse opere d’arte e oggetti liturgici di notevole interesse storico e culturale. 

Tra questi figurano quadri risalenti addirittura al XVI secolo, crocifissi e calici, tutto posto sotto sequestro e ritenuto indebitamente detenuto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?