X
<
>

Tempo di lettura < 1 minuto

LAMEZIA TERME – La Guardia di finanza di Lamezia Terme ha sequestrato 210mila articoli considerati insicuri o non in regola con la normativa italiana ed europea.

Il sequestro è stato portato a termine in un esercizio commerciale, gestito da un imprenditore di nazionalità cinese, con vendita sia al dettaglio che all’ingrosso di prodotti provenienti dall’Asia.

Le verifiche hanno permesso di riscontrare che i prodotti sequestrati mancavano delle istruzioni in lingua italiana, delle indicazioni di provenienza e dei dati dell’importatore.

Tra il materiale sequestrato ci sono anche prodotti destinati ai più giovani, come astucci per la scuola, acquerelli, temperamatite, flaconi di colla liquida e forbici. L’imprenditore è stato sanzionato e segnalato alla Camera di commercio di Catanzaro.

Nel corso degli stessi controlli sulla regolarità di prodotti in vendita in vari esercizi, sono stati anche sequestrati 500 paia di occhiali con noti marchi contraffatti. I prodotti erano stati messi in vendita da due commercianti del Bangladesh e sono stati sequestrati dai Baschi verdi di Lamezia Terme. I due cittadini stranieri sono stati denunciati dal punto di vista penale.

Dall’inizio dell’anno la Guardia di Finanza del Comando provinciale di Catanzaro ha sequestrato 370mila prodotti contraffatti o insicuri.

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA