Salta al contenuto principale

Operazione dei carabinieri nella Locride
Arresti e denunce, sequestrate armi

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 47 secondi

LOCRI (RC) - Due arresti, alcune denunce oltre al sequestro di droga e cartucce: è il bilancio dei controlli svolti nel corso dell'ultima fine settimana dai Carabinieri della Locride, attraverso le Compagnie di Locri, Bianco e Roccella Jonica, con il supporto dei colleghi dello Squadrone Eliportato Carabinieri di Vibo Valentia, nell'ambito del piano nazionale e transnazionale di contrasto alla criminalità denominato "focus 'ndrangheta".

Sono stati allestiti numerosi posti di controllo, sia nelle aree rurali che nelle periferie dei principali centri urbani, effettuati rastrellamenti ed eseguite numerose perquisizioni, domiciliari, personali e veicolari (identificate 102 persone a bordo di 64 mezzi).

Nel corso del servizio una persona è stata denunciata per furto di energia elettrica; una, sorpresa alla guida di un veicolo in evidente stato di alterazione psicofisica, per essersi rifiutata di sottoporsi al relativo accertamento; due, di cui una di origine russe, per furto, e due per gestione di rifiuti non autorizzata.

Una persona di Sant'Ilario dello Jonio e due di Stilo sono state segnalate alla Prefettura di Reggio Calabria in quanto trovate in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale, mentre i Carabinieri di Caulonia Marina, insieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno rinvenuto in un terreno circa 500 cartucce vario calibro per fucile, quasi 4 chili di polvere da sparo, un fucile a canne mozze, numerosissime cartucce per armi corte di vario calibro.

I Carabinieri della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica hanno tratto in arresto Giusepp Agostino, 46enne del posto, attualmente sorvegliato speciale, per inosservanza degli obblighi imposti. L'uomo, dopo una trattativa condotta su "Subito.it" per l'acquisto di una moto da cross, ha fissato un appuntamento con il venditore e con il pretesto di una prova si è appropriato del mezzo facendo perdere le sue tracce. L'intervento tempestivo dei Carabinieri ha consentito di rintracciarlo e trarlo in arresto.

I Carabinieri della Stazione di Siderno hanno tratto in arreso Francesco Manno , 80enne di Mammola ma domiciliato a Siderno, in quanto destinatario di un decreto di revoca della detenzione domiciliare, scaturito dalle numerose evasioni commesse, e ripristino della carcerazione emesso dall'Ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica di Locri. L'arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di Locri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?