Salta al contenuto principale

Acquistavano pesce con assegni rubati al Nord
Arrestate 2 persone dai carabinieri nel cosentino

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

AMANTEA (CS) - Avevano pensato di poter ottenere la merce sfruttando fondi non loro ma sono stati scoperti e arrestati. In sostanza due persone hanno acquistato un consistente quantitativo di pesce surgelato pagandolo con un assegno rubato.

I due sono stati arrestati dai carabinieri della Compagnia di Scalea con l'accusa di truffa e ricettazione. Le indagini sono scattate dopo la denuncia del commerciante. Mentre l'uomo era in caserma per formalizzare la denuncia è stato contattato dai due. I carabinieri hanno, quindi, predisposto un servizio di appostamento che ha certificato un nuovo pagamento con un secondo assegno anche in questo caso illecito. I due sono stati quindi fermati dai militari che hanno recuperato anche la merce acquistata. I carabinieri hanno poi effettuato una serie di perquisizioni, con il supporto dei colleghi delle Compagnie di Paola e Lamezia Terme, che hanno portato al ritrovamento di altri assegni in bianco oggetto di furti consumati nel nord Italia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?