Salta al contenuto principale

Due arresti e nove denunce
in pochi giorni dei carabinieri di Scalea

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

SCALEA (CS) - Due arresti, nove denunce, 80 persone controllate, rinvenute due autovetture rubate, numerose le perquisizioni effettuate: questo il bilancio dell’attività dei Carabinieri della Compagnia di Scalea posta in essere durante il fine settimana. A Praia a Mare i militari della locale stazione hanno arrestato un pusher 48enne trovato in possesso di circa 20 dosi di hashish pronte per essere immessi sul mercato praiese, unitamente a materiale vario per il confezionamento.

Nel territorio di Santa Maria del Cedro i militari della locale Stazione hanno arrestato un pregiudicato classe 75 in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa da Tribunale di Paola per violazione degli obblighi imposti dall’autorità giudiziaria.

A Grisolia sono stati denunciati a piede libero tre cittadini rumeni della zona sorpresi mentre stavano cercando di perpetrare un furto in abitazione. Contestualmente militari del N.O.R.M. hanno rinvenuto e restituito agli aventi diritto a Scalea due autovetture provento di furto in abitazione consumato le scorse settimane nel territorio di Santa Maria del Cedro.

Proprio nell’ottica della prevenzione dei reati di matrice predatoria sono stati denunciati a piede libero, in due diverse circostanze, un pregiudicato originario di Verbicaro sorpreso a limite territorio con il comune di Santa Maria del Cedro, mentre stava asportando da un terreno privato circa 200 chilogrammi di legname, e due cittadini algerini sorpresi, anche questa volta in un terreno privato, nel territorio di Praia a Mare mentre tentava invano di asportare 250 chilogrammi di pigne. Anche in questa circostanza la refurtiva è stata restituita agli aventi diritto.

Numerosi i controlli posti in essere anche a soggetti sottoposti a misure di prevenzione: due le persone denunciate per inottemperanza agli obblighi loro imposti dalla legge.

Infine a Scalea è stato individuato e denunciato a piede libero un uomo classe ’68 resosi responsabile del danneggiamento di alcune slot machine in un noto bar scaleota. L’uomo, verosimilmente allo scopo di impossessarsi del denaro custodito all’interno delle macchinette, ha tentato di forzarle venendo messo in fuga dal proprietario dell’esercizio commerciale. Immediata attività di indagine dei Carabinieri ha permesso di trovare il malvivente, identificarlo e deferirlo in stato di libertà.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?