Salta al contenuto principale

Catanzaro, riapre al traffico il ponte sull'Ancinale
Dopo i danni dovuti all'alluvione dello scorso anno

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 35 secondi

CATANZARO - Un momento importante per la viabilità nella provincia di Catanzaro dove è stato riaperto al traffico il ponte sul fiume Ancinale. A darne notizia è l'amministrazione provinciale di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno, il quale ha voluto ribadire di aver «mantenuto l’impegno assunto in occasione della consegna dei lavori per il risanamento e la messa in sicurezza meno di un mese fa alla ditta Tank srl Roma».

La ripresa della circolazione è stata preceduta da un sopralluogo del presidente Bruno, alla presenza di Floriano Siniscalco, del direttore dei lavori ingegner Vincenzo Coppola, del vice presidente Marziale Battaglia, dei sindaci Giuseppe Papaleo (Davoli), Michele Drosi (Satriano), Pino Ussia (Guardavalle) e Ernesto Alecci (Soverato). Sono stati necessari interventi di riqualificazione e messa in sicurezza strutturale per cui la Provincia ha investito circa 140 mila euro.

La struttura era stata chiusa a fine ottobre 2015 in seguito all’alluvione che ha colpito il Catanzarese (LEGGI LA NOTIZIA) e la zona della Locride con ingenti danni che «però - afferma ancora Bruno - sono stati contenuti nella nostra provincia, proprio grazie all’attività preventiva della Provincia di Catanzaro con la pulizia dei fossi e la manutenzione dei fiumi. Questa struttura - ha detto ancora Bruno - è stata chiusa per la messa in sicurezza e, a dicembre, avevo promesso che entro fine febbraio avremmo consegnato i lavori e l’avremmo riaperta al traffico. In maniera puntuale oggi riapriamo il ponte al transito restituendo al territorio una infrastruttura strategica per i collegamenti con la Strada statale 106».

Bruno ha anche ringraziato i sindaci dei comuni limitrofi, l'impresa, i tecnici Siniscalco e Coppola e tutto lo staff perché «volevamo mantenere l’impegno di riaprire al traffico entro fine febbraio e, con un duro lavoro, ci siamo riusciti. Un grazie va anche a tutti i consiglieri provinciali che mi sono vicini in questa delicata fase amministrativa ed ai cittadini che hanno creduto in noi». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?