Salta al contenuto principale

Bancarotta fraudolenta tra Calabria ed Emilia
Sei ordinanze cautelari e sequestri per 3 milioni

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

di GIANLUCA PRESTIA

VIBO VALENTIA - Un intero nucleo familiare finito nella rete della Procura e dalla Guardia di Finanza, quello dei Comerci di Gioia Tauro, titolari anche di un complesso turistico a Parghelia. È stata messa a segno, infatti, tra Calabria ed Emilia Romagna, un’operazione del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Vibo Valentia che, in esecuzione di un’ordinanza del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Vibo Valentia, Anna Rombolà, ha eseguito sei ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti indagati per i reati di bancarotta fraudolenta e bancarotta documentale, scaturiti da un’indagine delegata dalla Procura di Vibo Valentia sul fallimento della società della famiglia Comerci operante nel settore della gestione di strutture turistico alberghiere nella Costa degli Dei.

Nello stesso provvedimento il giudice ha disposto il sequestro di beni per un importo di oltre 3 milioni di euro a garanzia delle somme dovute all’erario dalla società fallita.

Il gip ha pertanto emesso un provvedimento di arresti domiciliari per Nicola Comerci, 69 anni, originario di Gioia Tauro, residente a Parghelia, amministratore del “Blue Paradise”; Soccorsa Morogallo, 65 anni, di Gioia Tauro, legale rappresentante del villaggio “Blue Paradise”, e moglie di Nicola Comerci; Domenico Comerci, figlio dei primi due; Andrea Comerci, 35 anni, fratello di Domenico; Giovanni Romeo, 47 anni, di Roccaforte del Greco (Rc) e Michele Parrello, 65 anni, di Rizziconi. Nell'inchiesta sono formalmente indagati, quindi non destinatari di misura cautelare, altri esponenti della famiglia Comerci: l’avvocato Fabio Comerci, 37 anni; Francesco Comerci, 30 anni; e Antonietta Comerci, 70 anni, docente in pensione di Gioia Tauro.

Andrea Comerci venne ferito in un agguato nel giugno dello scorso anno al passaggio al livello di Santa Domenica di Ricadi. Per quell'episodio, avvenuto il 24 giugno, nei giorni scorsi fu arrestato il 44enne di Gioia Tauro Fabio Condoluci con l'accusa di tentato omicidio.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?