Salta al contenuto principale

Poliziotto calabrese muore a Torino dopo un malore

accusato in servizio: stava perlustrando un cantiere

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

di FRANCESCO MANNARINO

CERISANO (CS) – Roberto Tenuta, 51 anni, non ce l’ha fatta. E' morto ieri mattina, dopo molte ore di coma farmacologico e ricoverato all’ospedale di Torino. Roberto era originario di Cerisano, piccolo paese delle Serre cosentine, ma da molti anni ormai lavorava come poliziotto stabilmente a Torino.

Giovedì scorso era stato impegnato, come spesso accade, in un sopralluogo su un cantiere della città. Lì però è stato colto da un malore improvviso. L’allerta del collega al 118, la corsa in ospedale ed il coma farmacologico, come detto. Ore di speranza per la moglie, anche lei originaria di Cosenza, e i due figlioletti, di 10 e 20 anni. Attese e paure. Speranze. Questa mattina però i medici hanno constatato il decesso. In paese, a Cerisano, la notizia ha raggiunto da subito la mamma Elena ed il fratello Giovanni.

Una famiglia sempre unita ed un sorriso, quello di Roberto, che in tanti ricordano con dispiacere. Era solito tornare in Calabria nel periodo estivo, passeggiare per le strade del suo paese, lontano dal caos torinese.

Probabilmente la salma dovrebbe tornare proprio qui, in Calabria e nel suo piccolo amatissimo paese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?