Salta al contenuto principale

Mare sporco e stazione di Rosarno occupata, protesta finita: ci sarà un incontro con la Regione

Calabria
Chiudi

Ancora mare sporco ad Amantea 09/07/2016

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

ROSARNO (REGGIO CALABRIA) - E' durata solo qualche ora la serrata degli operatori commerciali e turistici di Nicotera, che avevano anche occupato la stazione ferroviaria di Rosarno, per protestare contro lo stato di sporcizia del mare. I manifestanti di Nicotera - ai quali si sono aggiunti col passare dei minuti anche quelli di altri comuni del vibonese hanno deciso di liberare i binari dopo che è giunta una mail dal dirigente del dipartimento Lavori pubblici della Regione Domenico Pallaria che domani sarà a Nicotera per incontrare una delegazione.

Il comitato spontaneo inoltre, parteciperà al tavolo tecnico già programmato per mercoledì in Prefettura a Vibo con l’assessore regionale all’ambiente Antonella Rizzo. 

Ricevuta la comunicazione, i manifestanti hanno lasciato i binari e sono tornati sulle banchine. Ciò dovrebbe consentire a breve la riapertura della circolazione ferroviaria. A causa della protesta sono dieci - cinque a lunga percorrenza e cinque regionali - i treni bloccati in varie stazioni. 

I manifestanti si erano sistemati sui binari bloccando la circolazione ferroviaria sulla linea Tirrenica. Anche nei giorni scorsi numerosi commercianti di Nicotera avevano chiuso le loro attività ed insieme ai cittadini erano andati in Comune occupando il Municipio per protestare contro le condizioni del mare.

Diverse le proteste dei residenti e soprattutto dei turisti, costretti a una serrata simile che compromette le vacanze.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?