Salta al contenuto principale

Duplice omicidio in provincia di Cosenza: madre e figlia uccise mentre erano al cimitero FOTO

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
I carabinieri sul luogo dell'omicidio (foto F. Mollo)
Tempo di lettura: 
1 minuto 26 secondi

FRANCESCO MOLLO

La letteratura e il cinema hanno trattato molto il tema della casualità.

SAN LORENZO DEL VALLO (COSENZA) - Due donne sono state uccise stamattina nel cimitero di San Lorenzo del Vallo, cittadina della Valle dell'Esaro, in provincia di Cosenza. Si tratta di Edda Costabile, di 77 anni, e di sua figlia, Ida Maria Attanasio, di 52 (nella foto in basso). Si tratta della madre e della sorella di Francesco Attanasio, il giovane accusato dell'omicidio di Damiano Galizia, avvenuto il maggio scorso ad Arcavacata, per un debito di 17mila euro (LEGGI LA NOTIZIA).

Sul duplice delitto dovranno fare chiarezza i carabinieri della Compagnia di San Marco e del Nucleo investigativo che sono intervenuti sul posto. Ad avvertirli è stato il custode del cimitero.

Le donne sono state uccise da colpi di arma da fuoco e, secondo le prime indicazioni, sarebbe state raggiunte dai proiettili alle spalle. Dalle prime ricostruzioni sembrerebbe che il killer (o i killer, anche se gli inquirenti sono portati a credere che a sparare sia stata una sola persona) sia entrato in azione tra le 10,30 e le 10,40 davanti alla cappella di famiglia. La figlia ha tentato di scappare ma sarebbe stata raggiunta da un colpo alla nuca. L'anziana sarebbe stata colpita da diversi colpi.

Il duplice omicidio potrebbe essere riconducibile al delitto compiuto da Attanasio ma su questo sono in corso ancora accertamenti. Soltanto gli accertamenti degli inquirenti potranno chiarire aspetti che sono ancora avvolti dalle ombre. Sul posto è arrivato anche il procuratore capo di Castrovillari Eugenio Facciolla, insieme al medico legale dott. Aldo Barbaro. «Sembra essere stata una vera e propria esecuzione» si è limitato a dire Facciolla. Il procuratore ha poi disposto alcune perquisizioni e si è messo in contatto con la Dda di Catanzaro e la Procura di Cosenza. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?