Salta al contenuto principale

Incendiati i container della ditta di Lamezia

impegnata per costruire la nuova concattedrale

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Un intervento dei vigili del fuoco
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Incendiati quattro container della Cofer costruzioni, l’impresa che, su commissione della Diocesi di Lamezia Terme, sta realizzando la Concattedrale di Lamezia in via Perugini nei pressi del Comune.

L’impresa è anche impegnata nella realizzazione del nuovo palazzetto dello sport in via del Progresso. L’episodio dell’incendio dei container si è verificato intorno alle 17 sul cantiere stesso della Concattedrale in fase di costruzione.

Sono stati incendiati quattro container (andati distrutti) utilizzati come deposito di attrezzature, mensa e uffici dell’impresa. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri per le indagini del caso probabilmente riconducibile a una intimidazione scopo estorsivo. Tra l’altro, durante i rilievi, gli autori dell’incendio hanno lasciato sul luogo alcuni inequivocabili segni della loro presenza.

Sono stati infatti scoperti alcuni cavi tranciati e segni di effrazione al cancello d’ingresso del cantiere della Concattedrale i cui lavori sono iniziati ad aprile del 2016. Il progetto del complesso interparrocchiale sta sorgendo su un terreno donato dal Comune di Lamezia Terme alla Diocesi lametina in occasione della visita pastorale di Papa Benedetto XVI a Lamezia. Progetto che porta la firma dell’architetto di fama internazionale Paolo Portoghesi individuato a seguito di un concorso internazionale di architettura promosso dalla Diocesi di Lamezia Terme. Il complesso è stato finanziato dalla Cei attraverso i fondi 8xmille per un importo di 5 milioni e 250 mila euro.

E non è la prima volta che la Cofer viene presa di mira. A febbraio del 2016 infatti in via del Progresso esplose una bomba carta davanti il cantiere del costruendo palazzetto dello sport i cui lavori di realizzazione sono in corso di esecuzione sempre da parte dell’impresa lametina Cofer. Ma ancora prima, il 2 dicembre 2015, davanti il cantiere del nuovo palazzetto dello sport fu denunciato al commissariato di Lamezia il rinvenimento (alle 7.30 del 2 dicembre 2015) di una bottiglia in plastica contenente liquido infiammabile trovata con annesse cartucce.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?