Salta al contenuto principale

Imprenditore cosentino con yacht di oltre 20 metri

ma non dichiara i redditi, scoperto dopo una verifica

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Un elicottero della guardia di finanza
Tempo di lettura: 
1 minuto 16 secondi

COSENZA - Dal 2011 al 2015 ha omesso di dichiarare al fisco redditi per oltre mezzo milione di euro e non ha versato imposte per oltre centomila euro. Un imprenditore cosentino, titolare di uno yacht battente bandiera britannica, è stato scoperto dai finanzieri del comando provinciale di Cosenza che lo hanno sottoposto a verifica fiscale effettuando accertamenti bancari e nella sede legale della società a lui riconducibile.

I finanzieri hanno ricostruito l’ammontare dei redditi annui conseguiti, per i quali il contribuente non avrebbe emesso le previste rendicontazioni fiscali. Ad insospettire i finanzieri è stata la presenza, tra la documentazione contabile della società, di polizze assicurative, fatture per lavori di riparazione e contratti per l'assegnazione di spazi di ormeggio riferiti ad un’imbarcazione, battente bandiera britannica, in uso all’imprenditore.

Attivate le procedure di cooperazione con il Regno Unito, è emerso che lo yacht, di lunghezza superiore a venti metri e di valore stimato pari a seicentomila euro, era iscritto nei registri navali inglesi.

All’imbarcazione si applicano le disposizioni sul "monitoraggio fiscale", introdotte per permettere all’amministrazione finanziaria di vigilare sui patrimoni esteri dei soggetti residenti in Italia, che prevedono l’inserimento del valore di mercato del bene in una specifica sezione della dichiarazione dei redditi.

I finanzieri hanno dunque proposto il recupero a tassazione delle imposte non versate, per oltre centomila euro, e della tassa da diporto, dovuta per il possesso delle barche superiori a 10 metri. Inoltre l’imprenditore rischia sanzioni fino a centomila euro per non aver dichiarato all’erario la disponibilità dell’imbarcazione di lusso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?