Salta al contenuto principale

Barca a vela si scontra sugli scogli di Cetraro, una persona è dispersa. A Rossano soccorsi due surfisti

Calabria
Chiudi

Una motovedetta della Capitaneria di Porto

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

CETRARO (COSENZA) - Una barca a vela è andata a schiantarsi nella tarda serata di ieri contro gli scogli a Cetraro, sul Tirreno Cosentino. Dei due occupanti, uno è stato tratto in salvo mentre l’altro è disperso.

Sul posto sono intervenuti i militari della Guardia costiera ed i carabinieri.

Secondo le prime ricostruzioni, l’imbarcazione, con a bordo due turisti tedeschi, si è trovata in difficoltà per il mare mosso a causa del maltempo che ieri ha colpito la Calabria. Dopo lo schianto sugli scogli, uno dei diportisti, un sessantenne, è stato salvato e portato in ospedale. Le sue condizioni sono buone. Nessuna notizia, invece, dell’altro, le cui ricerche sono in corso.

Sull'imbarcazione a vela, naufragata a Cetraro nella notte, si trovavano due sessantenni tedeschi, che, secondo quanto riferito dall’uomo salvato, da Marina di Camerota (Salerno), erano diretti ad Atene. A causa delle cattive condizioni meteo e del mare forza 8, hanno deciso di fermarsi nel porto di Cetraro, ma le onde alte e la forza del mare hanno scaraventato la barca sugli scogli, facendola ribaltare. Immediati i soccorsi dei militari della Capitaneria di porto di Cetraro, che sono riusciti a salvare uno dei due uomini, mentre l’altro, secondo quanto raccontato dall’amico, al loro arrivo era già caduto in mare e senza il giubbotto di salvataggio.

La persona tratta in salvo è stato ricoverata all’ospedale di Cetraro e dimessa in mattinata. Le motovedette della capitaneria e un elicottero della Guardia costiera stanno cercando il disperso.

A ROSSANO - Due surfisti in difficoltà sono stati soccorsi dalla Guardia costiera sul litorale della località Pantano-Martucci di Rossano. L’allarme è scattato dopo una telefonata giunta alla sala operativa della Capitaneria di porto di Corigliano Calabro che segnalava la presenza dei due surfisti che non riuscivano a rientrare a causa del forte vento proveniente da terra e delle onde del mare nel frattempo alzatesi.

In zona è stata inviata la motovedetta dedicata alla ricerca e al soccorso che ha intercettato i due ad oltre 600 metri dalla spiaggia.

I militari, verificate le condizioni di salute dei due, provati per la fatica di aver cercato di sfidare il mare forza 3 ed il forte vento, hanno quindi provveduto a soccorrerli recuperandoli a bordo. I surfisti sono stati quindi accompagnati in porto a Corigliano Calabro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?