Salta al contenuto principale

Esemplare di giovane Capodoglio morto in spiaggia

Il ritrovamento lungo il litorale del Vibonese

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
L'esemplare di Capodoglio
Tempo di lettura: 
1 minuto 24 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Un giovane Capodoglio di 6,5 metri di lunghezza è stato rinvenuto ieri pomeriggio in località “Michelino” del comune di Parghelia, con la coda quasi recisa da un cappio di cordame e lembi di rete da pesca. A fornire per primo la segnalazione, il coordinatore regionale di “WWF Young”, Domenico Aiello, che ha prontamente avvisato la Guardia Costiera di Vibo Valentia e il responsabile del settore conservazione del WWF Vibonese, Pino Paolillo.

Secondo l'associazione ambientalista, sulla base dei primi accertamenti, si tratterebbe di un esemplare di circa due anni e del peso approssimato di 2,5-3 tonnellate, bisogna infatti considerare che già al momento del parto, il neonato misura intorno ai 4 metri e può pesare fino a 800 chilogrammi.

La morte del cetaceo dovrebbe risalire a pochi giorni prima dello spiaggiamento. Già pochi mesi fa il mare vibonese aveva regalato ad alcuni diportisti le immagini straordinarie di alcuni capodogli, e di altri grandi cetacei, dai globicefali alle balenottere comuni, oltre alle evoluzioni acquatiche di branchi di delfini “Stenelle”.

Questa volta però un’ulteriore riprova della ricca biodiversità del nostro mare è arrivata purtroppo in modo tragico. Paolillo ha ricordato in particolare diversi spiaggiamenti di Capodogli registrati negli anni passati nel Golfo di Sant’Eufemia e nel vibonese, da Lamezia a Curinga, da Pizzo, a Briatico, fino a Capo Vaticano e Nicotera. In particolare ricorda che lo scheletro di un giovanissimo capodoglio spiaggiatosi in località “Colamaio” di Pizzo il 9 luglio del 1995, è conservato presso il Museo Ittico di Pescara.

Sempre per rimanere in campo cetologico, molti a Pizzo ricordano lo spiaggiamento di una giovane Balenottera comune, morta nella baia della “Seggiola” il 20 settembre del 1987 e il cui corpo venne seppellito nei pressi della Foce del Fiume Angitola.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?