Salta al contenuto principale

Parghelia, sequestrati beni per 600 mila euro a imprenditore

Sigilli a un palazzo e un parcheggio presso il Baia Tropea Resort

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

PARGHELIA (VIBO VALENTIA) - Una palazzina di due piani e un parcheggio nel complesso turistico 'Baia Tropea Resort' sono stati sequestrati dalla Polizia di Stato a Parghelia, in provincia di Vibo Valentia, a un imprenditore, Nicola Comerci, 70enne, attivo nella Piana di Gioia Tauro, con rilevanti interessi economici nelle Province di Vibo Valentia, Roma, Bologna e in tutto il Nord-Italia.

Secondo quanto chiarito, l’ìmprenditore era già finito sotto la lente del Tribunale di Reggio Calabria-Sezione Misure di Prevenzione, dal 1999 dopo che la Questura aveva proposto per lui la misura della Sorveglianza Speciale di Pubblica sicurezza con l’obbligo di soggiorno nel Comune di residenza e la richiesta di sequestro e successiva confisca dei beni, e nel 2001 per l'uomo era stato disposto l’obbligo di soggiorno per 4 anni e la confisca dei suoi beni.

Le indagini della Questura sono proseguite, su delega della Procura, fino all’emissione di un decreto di sequestro beni: secondo gli inquirenti infatti, Comerci dagli anni '70 in poi avrebbe costruito il suo impero economico, soprattutto nel campo delle strutture ricettive, della ristorazione e dei villaggi turistici, grazie all’appoggio fornito dalla cosca Piromalli e ai legami fra i Piromalli con la cosca dei Mancuso di Vibo Valentia.

Il valore dei beni sequestrati ammonta a circa 600 mila euro. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?