Salta al contenuto principale

Maxi sequestro di fuochi pirotecnici nel Cosentino

Materiale era ammassato in depositi e automezzi

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Uno dei sequestri di fuochi pirotecnici
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

COSENZA - Quasi 10 quintali di fuochi pirotecnici illegali sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Cosenza che, complessivamente, hanno denunciato dieci persone.

In particolare sono stati sequestrati 38.605 pezzi di materiale esplodente pericoloso, pari a 52.717 bocche di fuoco di bengala, fontane, razzi e petardi per un peso complessivo di 967 chilogrammi.

I sequestri sono stati effettuati a Cosenza, Rossano e Corigliano. Nella zona di Acri i militari della polizia economico-finanziaria di Cosenza hanno individuato un deposito in una casa rurale, dove sono stati trovati 650 pezzi di fuochi pirotecnici molto pericolosi, per circa 300 kg, detenuti senza alcuna autorizzazione. I fuochi illegalmente custoditi per la vendita erano stipati in cartoni e ammassati in un locale.

A Rossano, sulla strada statale 106, i finanzieri della compagnia di Rossano hanno trovato e sequestrato a bordo di alcuni automezzi 600 chili di materiale esplodente come fontane, razzi e petardi: era stipato in furgoni sprovvisti dei necessari requisiti di sicurezza, autorizzazioni e licenze per il trasporto e la vendita del materiale esplodente.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?