Salta al contenuto principale

Rissa sul campo di calcio, dopo un anno 15 indagati

L'episodio tra le squadre di Parghelia e Koa Bosco 

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Le squadre di Parghelia e Koa Bosco
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

VIBO VALENTIA – L’episodio, eclatante, ripreso dai telefonini si era verificato domenica 9 aprile del 2017 (LEGGI LA NOTIZIA). IL teatro fu il campo di calcio del Parghelia, protagonisti i giocatori delle due squadre, quella locale e il Koa Bosco, formata da ragazzi extracomunitari che ha già fatto parlare di sé nel bene e nel male, che si stavano affrontando nella gara di recupero del campionato di Seconda categoria.

Il risultato era di parità, mancava poco alla fine, ma il triplice fischio che avrebbe sancito la conclusione di quel match sarebbe arrivato ma per un altro motivo, ben più grave, ben più sconcertante: una furibonda rissa. Al 40esimo del secondo tempo quando ormai la partita (sospesa domenica scorsa causa poggia) era avviata alla conclusione, è avvenuto l'imponderabile scatenato dal gesto di un giocatore ospite che, una volta espulso, avrebbe sferrato un pugno ad un avversario dando inizio ad una serie di reazioni da parte di tesserati di entrambe le società.

LEGGI IL FASCICOLO IN AGGIORNAMENTO DINAMICO
CON TUTTE LE NOTIZIE SUL KOA BOSCO

 

Ad avere la peggio l'attaccante di casa, Jeng (ex di turno), colpito da un avversario mentre stava lasciando il campo per l'espulsione rimediata pochi istanti prima. Tutto venne sedato, anche se a fatica, dalla presenza delle forze dell’ordine e pochi giorni dopo il questore emise ben 14 Daspo (LEGGI) nei confronti di 6 calciatori e 2 dirigenti del Parghelia e di 6 giocatori del Koa Bosco. Le indagini, condotte dalla Digos della Questura di Vibo Valentia e dai carabinieri della Compagnia di Tropea, hanno reso possibile, tramite la visione di filmati amatoriali e dei documenti arbitrali, la ricostruzione dei fatti.

Adesso quell’inchiesta è arrivata al suo epilogo, con la notifica, agli interessati dell’avviso di conclusione degli accertamenti investigativi: in tutto 15 persone. Si tratta, nello specifico, di Dario Grillo, 36 anni, di Zaccanopoli, Jerreh Jeng, 21 anni, del Gambia; Francesco La Torre, 24 anni di Ricadi; Giuseppe Lo Iacono, 48 anni, di Parghelia; Annunciato Muscia, 39 anni, di Ricadi; Roberto Ferro, 35 anni, di Ricadi; Stefano Barone, 20 anni, di Parghelia; Fabrizio Nazionale, 40 anni, di Tropea; Michele Russo, 38 anni di Vena Superiore, frazione di Vibo; Youssou Fall, 26 anni, del Senegal; Cheick Diaw, 21 anni, del Senegal; Fakebba Samateh, 21 anni, del Gambia; Yusufa Sabally, 32 anni, del Gambia; Mustapha Loum, 35 anni, del Senegal.

Tutti, si legge nel capo d’incolpazione, indagati per rissa e lesioni personali. In più, a Fabrizio Nazionale viene contestato il reato di aver omesso di dare avviso al questore di Vibo dell’incontro calcistico presso lo stadio di Parghelia.

Dossier: 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?