Salta al contenuto principale

Picchia e deruba ex fidanzata, arrestato a Catanzaro 

Mesi di terrore vissuti da una giovane donna

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Violenza su una donna
Tempo di lettura: 
1 minuto 29 secondi

CATANZARO – Ha aggredito la ex fidanzata, rubandole anche il telefono cellulare. E’ accaduto a Catanzaro dove, nel giorno della festa delle donne, i carabinieri hanno posto agli arresti domiciliari un uomo.

Secondo quanto ricostruito dai militari, dopo la denuncia presentata dalla donna, una ventenne, le aggressioni sarebbero andate avanti per diverso tempo. L’uomo, infatti, avrebbe tenuto comportamenti violenti, prima con una morbosa gelosia, poi pubblicando le foto della giovane su un sito di incontri mentre tra i due c’era ancora la relazione in corso. Davanti alle contestazioni della fidanzata, lui avrebbe risposto che avrebbe voluto solo provare a truffare i possibili clienti, senza però fare consumare alcun rapporto.

La donna non ha denunciato subito e lo ha fatto solo dopo l’ultima aggressione. Dopo la fine della relazione e numerosi altri episodi, i due si sarebbero incontrati una mattina, con l’uomo che ha accompagno la donna a lavoro.

E’ qui che lui si sarebbe scagliato contro la ex, colpendola con schiaffi e pugni e rubandole il telefono cellulare e i soldi contenuti nel portamonete, 250 euro. Lo stesso avrebbe anche sottratto i documenti della ragazza, con l’obiettivo di intestare a lei una finanziaria. Solo l’allarme lanciato da alcuni passanti ha permesso alla ragazza di fuggire. La donna si è recata alla Stazione dei Carabinieri di Catanzaro Santa Maria, quindi in ospedale, dove sono state riscontrate lesioni giudicate guaribili in ventuno giorni.

L’uomo è stato rintracciato e bloccato, mentre con sé aveva il telefono cellulare della ragazza. Per questo è stato dichiarato in stato di arresto per i reati di atti persecutori e rapina. All’esito dell’udienza per direttissima svolta nel tribunale di Catanzaro, nei confronti dell’uomo è stato emesso il provvedimento cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, da dove non potrà allontanarsi. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?