Salta al contenuto principale

Cadavere di un uomo rinvenuto nel Catanzarese

È omicidio, si pensa ad una vendetta privata

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Rilievi dei carabinieri
Tempo di lettura: 
1 minuto 37 secondi

MONTAURO (CATANZARO) - Il cadavere di un uomo, Antonio Ranieri, di 79 anni, di Montepaone, è stato rinvenuto nella tarda mattina di oggi in località Pietragrande di Stalettì, in provincia di Catanzaro.

La vittima, incensurata, si trovava nelle vicinanze della sua autovettura, una Volkswagen Polo, parcheggiata a pochi metri di distanza dalla statale 106 in località "Conca" del Comune di Montauro (e non di Stalettì, come si era appreso in un primo tempo), ad ucciderlo tre colpi alla testa, sparati con una pistola calibro 22 o 7,65.

Secondo quanto è emerso dai primi accertamenti, l'uomo è stato ucciso con alcuni colpi di arma da fuoco. Sul posto si sono recati i carabinieri.

I militari hanno avviato le indagini per accertare la dinamica ed il movente dell’omicidio. Dai primi accertamenti, comunque, si esclude che Ranieri sia stato ucciso per questioni legati alla criminalità organizzata o comune. L’ipotesi che appare più attendibile, al momento, è quella di un vendetta per questioni private, secondo i carabinieri, giunti sul posto dopo essere stati avvertiti da una persona che aveva notato la presenza del cadavere in strada, Ranieri sarebbe stato ucciso da una persona che lo ha atteso all’uscita da casa.

Gli investigatori ritengono verosimile la possibilità che Ranieri sia rimasto vittima di un agguato, ma non si può escludere, al contempo, che l’uomo sia stato ucciso da qualcuno che conosceva e col quale ha avuto una discussione prima di salire in macchina. Discussione che potrebbe essere degenerata in una lite al culmine della quale l’omicida ha estratto la pistola che teneva con sè ed ha sparato contro Ranieri i tre colpi che ne hanno provocato la morte istantanea.

Sarà l’autopsia, disposta dal pm di turno della Procura della Repubblica di Catanzaro, a fornire ulteriori elementi utili per le indagini. I carabinieri, intanto, stanno sentendo familiari e conoscenti della vittima per acquisire informazioni sulle sue frequentazioni che possano aiutare a ricostruire il contesto in cui é maturato l’omicidio ed il possibile movente.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?