Salta al contenuto principale

Sciolto nella notte il Consiglio comunale di Siderno

Il governo sospetta infiltrazioni della 'ndrangheta

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il palazzo municipale di Siderno
Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

SIDERNO – Il consiglio dei ministri ieri in tarda serata ha deliberato lo sciogliemento del Comune di Siderno per infiltrazioni mafiose. Finisce così la stagione di Pietro Fuda alla guida dell’amministrazione. Adesso bisognerà attendere per comprendere le motivazioni che hanno portato a questa decisione. Già lo scorso anno era stato effettuato l’accesso antimafia all’interno della struttura comunale (LEGGI LA NOTIZIA), lavoro che la triade di “commissari” ha portato avanti fino alla fine di aprile di quest’anno . Ora la decisione del Cdm. Tutto questo soltanto a due giorni di distanza dalla visita del sottosegretario agli Interni Carlo Sibilia, che ha annunciato l’obiettivo di ridurre a zero i Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose, quasi tutti concentrati in Calabria, che detiene il record negativo di 21 amministrazioni chiuse solo nel 2017.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?