Salta al contenuto principale

Liquami nel torrente Turrina, sequestrata una condotta

Denunciati il sindaco e l'ex sindaco del comune di Curinga

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il sequestro dell'ares
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

CURINGA (CATANZARO) - I militari della Guardia Costiera di Vibo e dell’Ufficio Locale Marittimo di Pizzo hanno eseguito un Decreto di Sequestro Preventivo emesso dall’Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Lamezia Terme, sequestrando, nel Comune di Curinga, parte di una condotta fognaria che sversava liquami nel torrente Turrina e la porzione di suolo interessata da tale sversamento.

Il provvedimento è conseguente alla precedente attività di indagine, condotta sulla base delle direttive della Procura della Repubblica di Lamezia Terme, che ha consentito di deferire alla giustizia l’attuale ed il precedente sindaco del Comune del lametino, ente proprietario della condotta fognaria.

Svariati gli illeciti ipotizzati, fra cui il danno ambientale, il deturpamento di bellezze naturali, lo scarico non autorizzato di reflui fognari. L’attività svolta ha consentito di incidere su una significativa fonte di inquinamento dell’ambiente naturale, in un’area specificatamente tutelata dalla legge e sottoposta a vincolo, rappresentata dall’ecosistema del torrente Turrina e da quello costiero e marino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?