Salta al contenuto principale

Maltempo, allestita camera ardente per madre e figlio

Lutto nel Lametino. Radar in azione per cercare Nicolò

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
La camera ardente allestita a Lamezia
Tempo di lettura: 
0 minuti 43 secondi

LAMEZIA TERME (CATANZARO) - Due bare una vicina all’altra, sistemate questa mattina nella sala funeraria Rocca di Lamezia Terme. Intorno scene strazianti di dolore. E’ stata allestita oggi la camera ardente con le salme di Stefania Signore, 30 anni, e del figlio Cristian, di 7.

La camera ardente resterà allestita fino a domani, venerdì, quando si svolgeranno i funerali, alle 15,30, nella chiesa di Gizzeria. Quattro i Comuni che hanno proclamato il lutto cittadino: oltre a Lamezia Terme, infatti, analogo provvedimento è stato assunto da Gizzeria, Curinga e San Pietro a Maida, con le amministrazioni comunali che hanno invitato la popolazione a sospendere ogni attività.

Mentre parenti ed amici piangono accanto alle bare di Stefania e Cristian, non si fermano le ricerche del piccolo Nicolò, di 2 anni, ancora disperso. Alle operazioni partecipano personale qualificato, volontari, ma anche il radar che sta scandagliando la zona alla ricerca del corpicino.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?