Salta al contenuto principale

Maltempo, tromba d'aria investe un treno: due feriti

Colpito anche l'abitato di Cutro: molti i danni

Pioggia forte tra le province di Catanzaro e Crotone - FOTO


VAI ALLA HOME CALABRIA

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
I soccorsi ai feriti sul treno
Tempo di lettura: 
3 minuti 5 secondi

CATANZARO - Una tromba d'aria improvvisa, oltre a pioggia battente. E' accaduto nella mattinata di oggi tra le province di Catanzaro e Crotone, dove un treno regionale diretto da Catanzaro lido a Crotone è stato travolto dalla tromba d'aria. Danni molto ingenti anche a Cutro, dove la tromba d'aria ha scaricato tutta la sua forza.

IL VIDEO DELLA TROMBA D'ARIA

Per quanto riguarda il treno, alcuni vetri sono andati in frantumi dopo essere stati colpiti da rami ed oggetti trascinati dalla forza del vento e due persone sono rimaste ferite. Il treno è stato fermato nella stazione di Roccabernarda, situata nel territorio di Belcastro, lungo la strada statale 106, subito dopo l'abitato di Botricello.


 

Immediata la macchina dei soccorsi. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco di Crotone e Sellia Marina, le ambulanze del 118 e delle associazioni di volontariato della zona, insieme a carabinieri, polizia e tecnici Trenitalia. 

VIDEO: IL TRENO INVESTITO DALLA TROMBA D'ARIA

La furia del vento ha sballottato il convoglio che, fortunatamente, è rimasto sui binari. Due passeggeri sono stati trasportati in ospedale, ma le loro condizioni non sono gravi, mentre altre persone sono state curate sul posto. 

Il convoglio, dopo i soccorsi, è stato spostato nella stazione di Botricello in modo da liberare la linea ferrata e ripristinare il transito ferroviario. Intanto è partito da Catanzaro Lido un altro treno che prenderà a bordo i passeggeri protagonisti della disavventura e proseguirà il viaggio fino a destinazione. La circolazione ferroviaria sulla linea Crotone-Catanzaro Lido è rimasta sospesa. Sulla linea, infatti, la forte pioggia caduta ha provocato tre smottamenti fra Isola Capo Rizzuto e San Leonardo di Cutro. Oltre venti tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ripristinare completamente circa 110 metri di infrastruttura ferroviaria (terreno, pietrisco e binari) e altri punti della linea colpiti dalle forti piogge.


 

La tromba d'aria ha causato notevoli danni anche a Cutro, dove sono stati scoperchiati diversi tetti. Il paese è stato attraversato dalla forza del vento, partendo dalla zona industriale e fino al centro abitato. Intere aziende sono state danneggiate, così come molte abitazioni. Alberi caduti ostruiscono le strade e la piazza centrale del paese. A Cutro scuole chiuse per i danni, considerato che due plessi hanno subito danni ai tetti. La tromba d’aria è stata seguita da una bomba d’acqua alle 7,10 quando, per fortuna, non c’erano alunni nelle classi.

Il sindaco di Cutro, Salvatore Divuono, ha disposto la chiusura del plesso scolastico di piazza Di Bona per i danni causati dalla tromba d’aria che oggi ha scoperchiato il tetto dell’edificio. La scuola resterà chiusa per alcuni giorni al fine di consentire le verifiche tecniche ed eliminare eventuali situazioni di pericolo.

La pioggia, invece, ha creato diversi allagamenti. Statale 106 invasa da acqua e fango a Strongoli e nel tratto tra Belcastro e Botricello. Nuovamente isolata per alcune ore la zona di Santa Maria di Botricello.

Sempre a causa della pioggia sono cinque i torrenti esondati in provincia di Crotone. I corsi d’acqua esondati sono il Passovecchio, Fallao, Ponticelli, Falcosa, Cacchiavia, oltre a numerosi canali di scolo. Il punto della situazione é stato fatto nel corso di una riunione dell’Unità di crisi convocata in Prefettura, che sta monitorando costantemente la situazione. Numerosi sono stati gli interventi dei vigili del fuoco e dei carabinieri in tutto il territorio provinciale, ed in particolare nei comuni di Crotone e Cutro, interessati da movimenti franosi, smottamenti ed esondazioni.

A Crotone ed in altri centri della provincia é in corso il ripristino in alcune cabine di bassa tensione dell’Enel che hanno subito danni, provocando l’interruzione dell’energia elettrica per circa ottocento nuclei familiari.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?