Salta al contenuto principale

Notte da dimenticare per una donna vibonese: Va al Pronto soccorso per alcuni dolori esce e finisce in una buca slogandosi una caviglia

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
L'ospedale Jazzolino di Vibo Valenta
Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Una vicenda alquanto singolare ma, per fortuna, con conseguenze non serie per chi ne è stata vittima. Certo è che per la signora, protagonista suo malgrado, dell’episodio resta la seccatura di stare a casa per alcuni giorni.

La disavventura che vi andiamo a raccontare si è verificata la scorsa notte al pronto soccorso dell’ospedale “Jazzolino” o, per meglio dire, all’entrata.

Sì, perché la donna, residente a Vibo, dopo la mezzanotte, era stata accompagnata dal marito, presso il presidio sanitario in quanto avvertiva alcuni dolori. I medici l’avevano visitata e quindi dimessa. Tutto sembrava risolto ma il destino beffardo ci si è messo di mezzo. Verso le 2, la paziente, probabilmente sovrappensiero, è riuscita a compiere solo pochi passi prima di cadere in una profonda buca presente proprio all’entrata del pronto soccorso finendo rovinosamente per terra.

Nuovamente dolorante alla caviglia, la donna, anche stavolta, accompagnata dal consorte, ha dovuto fare marcia indietro e tornare nella struttura sanitaria con non poca sorpresa dei medici una volta spiegato loro cosa fosse avvenuto. E così, nuova visita e apposizione di una fascia all’arto inferiore, con prognosi di una ventina di giorni.

Insomma, per la povera malcapitata una notte da dimenticare.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?