Salta al contenuto principale

Intimidazioni ad amministratori nel Cosentino

Tre teste di capretto mozzate davanti le abitazioni

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Gli uffici della Procura di Castrovillari
Tempo di lettura: 
0 minuti 27 secondi

LONGOBUCCO (COSENZA) - Tre buste con al'interno ognuna una testa mozzata di capretto sono state lasciate davanti alle abitazioni del vicesindaco di Longobucco, Giuseppe Davide Federico, dell’ex sindaco del comune del Cosentino, Luigi Stasi, e di un impiegato comunale, Pietro Caputo.

I fatti risalgono alla notte tra il 17 e il 18 dicembre scorsi, ma la notizia è stata diffusa oggi. Federico, Stasi e Caputo hanno denunciato gli episodi di intimidazione di cui sono stati vittime ai carabinieri. Sull'accaduto hanno avviato indagini i militari di Longobucco, con il coordinamento della Procura della Repubblica di Castrovillari.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?