Salta al contenuto principale

Mitra da guerra, migliaia di cartucce e giubbotti antiproiettili inviati con gli autotrasporti e scoperti ad Ardore dalla Polizia

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Le armi sequestrati
Tempo di lettura: 
1 minuto 7 secondi

REGGIO CALABRIA - Agenti della Squadra Mobile di Reggio Calabria, con il supporto dell’Unità Cinofila dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, hanno scoperto all’interno di alcuni pacchi, giunti ad Ardore Marina (Reggio Calabria), un’arma da guerra modello Sten ed oltre 1300 munizioni di vario calibro (9, 40, 357 e 7,62) che sono state debitamente sequestrate.

Il mitra in questione, perfettamente funzionante, è di fabbricazione inglese, risalente al 1943, calibro 9 mm ed è classificato come "arma da guerra" in considerazione dell’elevata potenzialità offensiva.

La scoperta è stata operata nel corso di un controllo svolto nei locali di un’azienda di autotrasporti sita nel Comune di Ardore Marina.

Sono stati trovati anche due distinti scatoloni di cartone. All’interno degli stessi, aperti mediante l’intervento di personale della Polizia Scientifica del Commissariato di Siderno, oltre ai proiettili sono stati scoperti anche tre giubbotti anti-proiettili.

Del sequestro è stata informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri che ha disposto la repertazione di tutto il materiale sequestrato, sul quale verranno effettuati gli opportuni accertamenti tecnici atti a stabilire se il mitra è stato utilizzato in occasione di episodi delittuosi.

Sono state avviate attività investigative tese all’individuazione dei mittenti, dei reali destinatari dell’arma e delle munizioni rinvenute, nonché delle finalità di utilizzo che avrebbe dovuto avere, atteso che, insieme al materiale rinvenuto, vi erano anche tre giubbotti anti-proiettili.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?