Salta al contenuto principale

Armi nascoste tra le travi portanti dell'abitazione

Tre arresti nel Reggino dopo una perquisizione

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Una perquisizione dei carabinieri
Tempo di lettura: 
0 minuti 38 secondi

LAUREANA DI BORRELLO (REGGIO CALABRIA) - I carabinieri di Laureana di Borrello, in provincia di Reggio Calabria, hanno arrestato in flagranza di reato tre persone per detenzione di armi clandestine e munizioni. In manette sono finiti i fratelli Carmelo e Natale Currò, di 44 e 41 anni, e Carmelo Lemma, di 57, con l’accusa di detenzione abusiva di armi e munizioni.

In particolare, nel corso di una perquisizione domiciliare eseguita all'interno di un casolare di campagna, i militari hanno rinvenuto un fucile sovrapposto con matricola abrasa, una pistola calibro 7.65 con matricola asportata oltre a diverse cartucce di vario calibro, il tutto occultato su travi portanti del casolare perquisito.

Le armi sono state sequestrate penale. Gli arrestati si trovano nella casa circondariale di Reggio Calabria-Arghillà in attesa del giudizio di convalida.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?