Salta al contenuto principale

Commissione ispettiva nel carcere dove lavorava Sissy

La decisione dopo la morte dell'agente calabrese

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Sissy Trovato Mazza
Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

TAURIANOVA (REGGIO CALABRIA) - «Per la prima volta dall’inizio di questa tragica storia, il capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini ha avviato formalmente una serie di accertamenti interni, autorizzati dal pubblico ministero come previsto nei casi di indagini in corso, per la verifica e l’approfondimento delle segnalazioni e delle denunce che Sissy aveva fatto e di altre questioni di natura amministrativa». Lo afferma il sottosegretario alla Giustizia, Vittorio Ferraresi, sulle vicenda di Sissy Trovato Mazza, l’agente penitenziaria di origini calabresi in servizio nel carcere femminile veneziano della Giudecca, morta il 12 gennaio (LEGGI LA NOTIZIAdopo due anni di agonia in seguito ad un colpo di pistola partito dalla sua arma di ordinanza.

Ferraresi annuncia in particolare l’istituzione di una commissione ispettiva all’interno del Dap, «che ci aspettiamo arrivi a conclusione nel più breve tempo possibile - precisa - ma comunque entro il mese di febbraio. È stata istituita da qualche giorno, una volta ricevuta l’autorizzazione dalla Procura. Ha tutti i poteri delle commissioni di indagine, comprese le richieste di documentazione e l’attività ispettiva. I componenti possono fare quello che ritengono opportuno e riferiscono direttamente al capo del Dipartimento», conclude.

Il sostituto procuratore della repubblica di Venezia Elisabetta Spigarelli ha aperto un fascicolo d’indagine contro ignoti, per induzione al suicidio. Il padre aveva recentemente rinvenuto una lettera in cui Sissy denunciava di aver saputo di «fatti molto gravi» avvenuti all’interno del carcere (LEGGI).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?