Salta al contenuto principale

Produceva pellet senza alcuna autorizzazione

Sequestrata un'azienda abusiva nel Cosentino

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
L'azienda sequestrata
Tempo di lettura: 
0 minuti 59 secondi

TORANO CASTELLO (COSENZA) - Trasformavano e confezionavano pellet senza alcuna autorizzazione. E’ quanto emerso da un controllo effettuato dai carabinieri forestali di Montalto e Cerzeto in una azienda in località “Pezze”, nel comune di Torano Castello.

Torano sequestro pellet

All’interno di una azienda agricola veniva confezionato del pellet senza alcuna autorizzazione così come previsto dalla normativa. L’azienda, come è emerso dal controllo effettuato, risultava autorizzata per la coltivazione di castagne e silvicoltura e non aveva le autorizzazioni previste dalla normativa ambientale per le emissioni in atmosfera. Una vera e propria fabbrica per la produzione di pellet, con tanto di impianti e materiali necessari per tale attività.

All’interno sono stati rinvenuti, confezionati, 5,5 tonnellate di pellet suddivise in 290 sacchetti sulla cui etichetta era riportato la scritta “puro legno di faggio”, ed altri sacchetti privi di indicazioni e contenenti segatura di natura mista e cippato di legname di altre essenze meno virtuose per le loro relative qualità.

Si è quindi proceduto, come disposto dalla Procura della Repubblica di Cosenza, alla denuncia per frode commerciale e emissione in atmosfera senza autorizzazione dei due proprietari e del loro dipendente, oltre al sequestro dell’impianto di produzione e del materiale rinvenuto pronto per essere introdotto nel mercato.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?