Salta al contenuto principale

Falsi certificati medici per non andare a lavoro

Sospesa una collaboratrice scolastica a Catanzaro

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Un istituto scolastico
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

CATANZARO - Avrebbe falsificato i ceritificati medici per sostenere una malattia che le impediva di lavorare, ma è stata scoperta e sospesa dal lavoro. 

Si tratta di una collaboratrice scolastica, G.C., 53 anni, di Catanzaro, che lavorava in un noto istituto di Catanzaro. Secondo le indagini condotte dalla sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Catanzaro, aliquota Carabinieri, e dalla Stazione Carabinieri di Catanzaro Lido, la donna avrebbe presentato alla direzione dell'istituto una serie di certificati medici che le avrebbero permesso di stare lontana dal lavoro dal mese di gennaio 2017 e fino al mese di maggio del 2018, quindi per sedici mesi complessivi. Le indagini hanno permesso, però, di accertare che i certificati erano falsi, perché duplicati grazie a delle fotocopie. 

Alla donna è stata notificata una ordinanza di misura cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Catanzaro su richiesta formulata dal procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, e dal sostituto Giuseppe Buzzelli. La signora è stata sospesa dall’esercizio di pubblico ufficio o servizio per i reati di truffa e falso. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?