Salta al contenuto principale

Città senz'acqua, è crisi idrica a Vibo: molti i disagi

Scuole chiuse, bar e ristoranti in serie difficoltà

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il palazzo comunale di Vibo Valentia
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Il Comune di Vibo, attraverso un'apposita ordinanza a firma del commissario prefettizio Giuseppe Guetta ha disposto per la giornata odierna e quella di domani, la chiusura di tutte le scuole del capoluogo di ogni ordine e grado.

La decisione avviene a seguito del persistere del problema di erogazione dell'acqua, dovuto a due guasti alla condotta verificatisi nel giro di 24 ore, l'ultimo proprio questa notte, che finisce col creare inevitabilmente precarie condizioni igienico-sanitarie negli istituti stessi. Lo stesso ente locale riferisce di aver appreso di «tale oggettiva condizione soltanto per le vie brevi a seguito di contatti telefonici con la Sorical». Ma non solo le scuole sono rimaste a secco.

Numerosi disagi ovviamente nelle abitazioni private, negli uffici e nelle attività. Particolarmente colpite quelle di ristoro, molti bar del centro hanno lamentato problemi e segnalato che l'acqua presente nei rispettivi autoclavi è ormai prossima ad esaurirsi. Chi invece non è munito non ha potuto fare altro che chiudere bottega. Un ristorante, poi, ieri sera, ha dovuto disdire le prenotazioni per mancanza del prezioso fluido.

Ma non solo: disagi sono possibili anche in altre importanti strutture pubbliche cittadine, considerando che la carenza idrica riguarda anche l’ospedale, la Scuola di Polizia e la Casa circondariale. L'emergenza, secondo le previsioni, dovrebbe rientrare nella giornata di domani ma probabilmente bisognerà attendere 24 ore in più per via del ritorno in circolo dell'acqua in tutte le zone a secco.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?