Salta al contenuto principale

'Ndrangheta, il vizio del gioco tradisce il boss vibonese

Arrestato a Roma Pantaleone Mancuso alias "L'ingegnere"

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Pantaleone Mancuso L'ingegnere
Tempo di lettura: 
0 minuti 28 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Tradito dal demone del gioco. Dopo diversi mesi finisce in una sala bingo di Roma l'irreparabilità del boss Pantaleone Mancuso, alias "L'ingegnere", considerato uno dei massimi vertici dell'omonima famiglia mafiosa di Limbadi. L'uomo è stato individuato mentre si trovava nel locale sito in zona Re di Roma, in pieno centro della Capitale. È stata una telefonata anonima a segnalare alla polizia la sua presenza. Dall'ottobre dello scorso anno aveva fatto perdere le proprie tracce non tornando nella casa lavoro di Chieti.

ULTERIORI DETTAGLI SULL'ARRESTO DI MANCUSO NELL'EDIZIONE CARTACEA ODIERNA DE IL QUOTIDIANO DEL SUD

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?