Salta al contenuto principale

Morte di Consolato Campolo a Reggio Calabria

Dopo il servizio delle Iene, Falcomatà chiede una indagine

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Consolato Campolo
Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

REGGIO CALABRIA - Il servizio delle Iene sulla morte di Consolato Campolo, il dirigente amministrativo dell'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria che si occupava di controllare i conti della sanità reggina, nel quale si ipotizza una morte violenza per avvelenamento del dipendente pubblico ha destato l'attenzione e la reazione del sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, il quale ha dichiarato che «le circostanze sollevate dal servizio de Le Iene sulla morte di Consolato Campolo ci lasciano sgomenti e meritano i necessari approfondimenti. È inquietante il pensiero che qualcuno possa aver voluto e provocato la sua morte nell’intento di interrompere il lavoro di pulizia che Campolo stava svolgendo in un settore scottante come quello della sanità».

Per il primo cittadino reggino «Consolato era un uomo straordinario, un integerrimo professionista, un cittadino onesto e un grande servitore dello Stato. Qualche anno fa gli avevo chiesto di dare una mano al Comune e per quasi due anni ha prestato servizio come funzionario aggiunto nel settore bilancio. Il suo lavoro è stato prezioso. L’anno scorso gli era stato assegnato il delicato incarico di ricostruire alcune vicende che riguardano l'Azienda sanitaria di Reggio Calabria, oggi sciolta per mafia, guidando una task force che aveva il compito di ridurre gli sprechi e verificare le spese sospette. È morto di arresto cardiaco lo scorso settembre, così, all’improvviso».

(GUARDA IL SERVIZIO DELLE IENE)

Ma oggi, «di fronte ai dubbi venuti fuori dalle circostanze e dalle testimonianze raccontate dal servizio - conclude Falcomatà - da sindaco, da reggino, da amico di Consolato Campolo, chiedo che sulla sua morte sia fatta piena luce».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?