Salta al contenuto principale

Scoperto allevamento abusivo di cani nel Crotonese

Animali tenuti in condizioni non adeguate, una denuncia

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Una pattuglia dei carabinieri forestali
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

ROCCA DI NETO (CROTONE) - Un allevamento abusivo di cani, all’interno del quale erano detenuti in condizioni non adeguate 14 esemplari di diverse razze e due cuccioli, è stato scoperto a Rocca di Neto dai Carabinieri Forestali che hanno denunciato una persona con l’accusa di maltrattamento di animali, violazioni edilizie e deturpamento di bellezze naturali.

I militari, durante un controllo del territorio, hanno individuato, in un’area di proprietà comunale, alcuni box in muratura coperti da lamiera all’interno dei quali erano detenuti gli animali, 10 maschi e 4 femmine, non tutti dotati di microchip identificativi, più i cuccioli. Con l’ausilio dei veterinari dell’Asp di Crotone è stata accertata la detenzione dei cani in condizioni non compatibili e con deiezioni smaltite in modo irregolare. Inoltre è emerso che i box erano stati edificati senza autorizzazione su un terreno concesso in fitto dal Comune, in un’area che si trova all’interno della Zona di protezione speciale Marchesato e fiume Neto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?