Salta al contenuto principale

Isola Capo Rizzuto, niente candidabilità per l'ex sindaco Girasole

Anche la corte d'Appello conferma lo stop a 8 ex amministratori

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
L'ex sindaco Carolina Girasole
Tempo di lettura: 
1 minuto 21 secondi

ISOLA CAPO RIZZUTO - C'è anche l'episodio della processione a mare con il quadro della Madonna Greca accompagnato su un gommone dall'ex consigliere comunale Giovanni Astorino e da Raffaele Arena, ritenuto un membro dell'omonima cosca, episodio da intendere come «un aspetto del potere criminale mediante riaffermazione del potere di dominanza», tra gli elementi che hanno portato la Corte d'Appello di Catanzaro a respingere il reclamo di otto ex amministratori comunali, tra cui gli ex sindaci Gianluca Bruno e Carolina Girasole, contro la dichiarazione di incandidabilità (LEGGI LA NOTIZIA SULL'INCANDIDABILITÀ).

Ieri il responso dei giudici, che conferma il provvedimento impugnato riaffermando la tesi della “continuità” tra l'amministrazione guidata da Bruno, sciolta per infiltrazioni mafiose, e la gestione della Girasole, assolta dall'accusa di voto di scambio nel processo Insula (LEGGI LA NOTIZIA SULL'ASSOLUZIONE) (ma pende l'Appello: tra sette giorni è prevista la requisitoria), richiamata nella relazione della commissione d'accesso che ha determinato l’azzeramento della civica assise.

LEGGI IL DURO ATTO DI ACCUSA DELL'EX SINDACO
GIRASOLE CONTRO L'INCANDIDABILITÀ

Il riferimento è, anche, all'«analogia di metodo nelle elezioni che portano alla gestione di molti degli amministratori in ruoli diversi ma sempre riconducibili a gruppi omogenei di provenienza, anche familiare».

Riaffermata l'incandidabilità anche per gli ex assessori Carmela Maiolo, che era vicesindaco, e Carmine Antonio Timpa, l'ex presidente del consiglio comunale Antonio Frustaglia, gli ex consiglieri Carmelina Bruno, Pasquale Poerio e Giovanni Astorino, tutti in carica durante la sindacatura Bruno. Ma gli amministratori uscenti figuravano anche nella compagine eletta nel 2008, ricorda la Corte richiamando gli esiti dell'accesso antimafia.

NELL'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO DEL SUD IN EDICOLA OGGI TUTTI I PARTICOLARI DELLA DECISIONE DELLA CORTE D'APPELLO

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?