Salta al contenuto principale

'Ndrangheta e politica, libero l'ex deputato Galati

Riqualificato il reato in tentato abuso d'ufficio

Calabria
Chiudi

GALATI Giuseppe

Apri
Nella foto: 
Giuseppe Galati
Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

LAMEZIA TERME (CATANZARO) – Il tribunale del Riesame di Catanzaro (presidente Valea) ha revocato i domiciliari all’ex deputato lametino Pino Galati, riqualificando l’accusa da abuso d’ufficio a tentato abuso d’ufficio.

Torna in libertà, dunque, l’ex parlamentare (difeso dagli avvocati Francesco Gambardella e Salvatore Cerra), che era agli arresti domiciliari dal 12 novembre scorso nell’ambito dell’operazione “Quinta Bolgia”.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULL'OPERAZIONE QUINTA BOLGIA

 

Già nel corso dell'interrogatorio di garanzia tenutosi davanti il gip di Roma per rogatoria, pur avvalendosi della facoltà di non rispondere, Galati aveva contestato ogni addebito negando rapporti con soggetti vicini alla criminalità organizzata.

Secondo le accuse, Galati, sarebbe intervenuto (su interessamento dell’ex consigliere comunale Luigi Muraca, 50 anni, a sua volta contattato dall’imprenditore Pietro Putrino finito in carcere) sul direttore amministrativo dell'Asp di Catanzaro, Giuseppe Pugliese (all’epoca dei fatti) per l’affidamento diretto in proroga e quindi senza bando pubblico del servizio ambulanze sostitutive del 118 da parte dell'Asp alla ditta Putrino. Galati e Pugliese sono stati anche intercettati e fotografati in un loro incontro. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?