Salta al contenuto principale

Falso, distrazione di risorse, peculato e altro

Chiesto il processo per Maria Carmela Lanzetta

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Maria Carmela Lanzetta
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

LOCRI (REGGIO CALABRIA) - La procura della Repubblica di Locri ha chiesto l rinvio a giudizio per l’ex ministro per gli affari regionali Maria Carmela Lanzetta.

La richiesta riguarda fatti posti in essere quando la Lanzetta era sindaco di Monasterace, e concerne una inchiesta relativa complessivamente a 13 persone, accusate, a vario titolo, di falso, occultamento di documenti, peculato e distrazione di risorse.

L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Ezio Arcadi, nella quale figurano pure tecnici, dirigenti comunali e regionali ed imprenditori, riguarda un finanziamento regionale destinato all’ottimizzazione del sistema fognario di Monasterace tramite il depuratore consortile di Camini.

Gli indagati dovranno comparire dinnanzi al giudice per l'udienza preliminare di Locri il 21 febbraio prossimo.

Per la Procura di Locri sarebbe stato speso circa un milione di euro senza che «nessun risultato sia stato conseguito per l'interesse pubblico. Tant'è che ancora oggi - scrive il pm - Monasterace Superiore sversa per intero i liquami ubicati in pozzi al di sotto del ponte che attraversa la fiumara Assi» e «la condotta di collegamento tra la frazione Campomarzo e Monasterace Centro è seriamente danneggiata all’altezza della fiumara Assi».

Altro contesto simile quello a Monasterace Centro che «continua a smistare i liquami nel vetusto depuratore ubicato in contrada Lambrosi. Una parte di questi - aggiunge il pm - viene sversata in una stradina interpoderale da dove poi finisce nella fiumara Stilaro». 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?