Salta al contenuto principale

Uccise il cugino nel Vibonese, condannato a 30 anni

Sentenza di primo grado per l'omicidio di Bruno Lazzaro

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Bruno Lazzaro, la vittima
Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

VIBO VALENTIA - Il Gup del Tribunale di Vibo Valentia ha condannato a 30 anni di reclusione Gaetano Muller, di 19 anni, accusato dell’omicidio del cugino Bruno Lazzaro, di 29, avvenuto, al culmine di una colluttazione, il 4 marzo del 2018 in località "Fago Savini" di Sorianello.

Alla base dell’omicidio questioni di natura passionale. Sia Muller che la vittima, infatti, avevano intrattenuto una relazione con una ragazza minorenne, figlia di un esponente di spicco della criminalità locale. In particolare, la giovane aveva frequentato dapprima Muller per poi lasciarlo e, dopo un pò di tempo, allacciare una relazione con Lazzaro.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULL'OMICIDIO DI BRUNO LAZZARO

Quest’ultimo venne colpito con un oggetto appuntito all’addome e fu soccorso dallo stesso cugino, che lo portò a casa della ragazza. Muller confessò l’omicidio, specificando però di essere stato aggredito dal cugino e di averlo colpito solo per difendersi.

Versione, questa, smentita dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia. La pubblica accusa, nel corso del processo, ha chiesto la condanna di Muller a 30 anni (LEGGI). La difesa aveva puntato a far cadere le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi e a far riconoscere all’imputato l’attenuante della provocazione. Richieste che non sono state accolte dal Gup.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?