Salta al contenuto principale

Preti indagati nel Vibonese, la Diocesi torna indietro

«Piena fiducia nel lavoro della magistratura»

 

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
La Diocesi di Mileto, Nicotera, Tropea
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

VIBO VALENTIA -  La Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, in una nota diramata dall’ufficio stampa, ha replicato alle dichiarazioni del Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, che aveva sottolineato la correttezza dell’attività giudiziaria ed investigativa nell’inchiesta in cui sono indagati i due sacerdoti (LEGGI LA NOTA DELLA PROCURA).

LEGGI I PARTICOLARI DELL'INDAGINE

«In merito all’inchiesta penale che vede coinvolti due suoi sacerdoti - è scritto nella nota - la Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea ed il suo Vescovo, nel rinnovare tutta la stima alla Procura della Repubblica ed alla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, dichiara di avere sempre nutrito, e di continuare a nutrire, la più piena fiducia nell’operato della magistratura, con cui intende collaborare, confidando serenamente nell’accertamento della verità dei fatti e di eventuali responsabilità personali nelle sedi a ciò deputate». 

Il procuratore Gratteri aveva replicato ufficialmente alla nota della Diocesi che poneva dubbi sulla gestione dell'indagine (LEGGI LA NOTA DELLA DIOCESI).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?