Salta al contenuto principale

Uccise e bruciò l'amante nel Vibonese, due condanne

Pene pesanti per una donna e il suo compagno 

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
L'auto in cui venne carbonizzato il corpo della vittima
Tempo di lettura: 
1 minuto 10 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Condanne pesanti, di entità superiore a quelle chieste dal pm, quelle emesse stamani dalla Corte d'Assise di Catanzaro. Il collegio, presieduto dal giudice Alessandro Bravin ha, infatti, inflitto una pena di 24 anni di reclusione a Liberata Gallace e di 22 anni al compagno Fiore D'Elia, per l'efferato omicidio dell'organista 48enne di Melicuccà di Dinami, Giuseppe Damiano Cricrì, avvenuto il 22 ottobre del 2013 in una zona isolata del comune di Acquaro.

Il corpo della vittima, completamente arso dal fuoco, venne ritrovato nella sua Fiat Panda bruciata. La Corte ha riconosciuto le attenuanti generiche equivalenti alla contestata aggravante della premeditazione del delitto al quale avrebbe preso parte anche il figlio della Gallace, Alfonsino Ciancio, già giudicato in abbreviato e condannato a 14 anni di carcere (contro i 30 del primo grado).

TUTTI I CONTENUTI SULL'OMICIDIO
DI GIUSEPPE DAMIANO CRICRÍ

Gallace, che sarebbe stata l'amante delusa dell'organista e già consigliere comunale, dopo essere stata respinta da quest'ultimo a vantaggio della sua fidanzata storica. E in questo contesto sarebbe maturato il delitto.

Il pm Corrado Caputo aveva chiesto la condanna ad una pena a 21 anni di reclusione per la donna e a 16 anni nei confronti dell’uomo, mentre le difese dei due, nelle persone degli avvocati Scaramozzino e Fronte, l'assoluzione. Soddisfazione è stata espressa dalla parte civile, nella persona dell'avvocato Giovanni Vecchio, per cui si «è posta la parola fine su un fatto efferato con la condanna senza ombra di dubbio, degli imputati».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?