Salta al contenuto principale

Dissequestrato il canale degli Stombi a Sibari

Unica via di accesso via mare al complesso dei laghi

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Il canale degli Stombi
Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

CASTROVILLARI (COSENZA) - La Procura della Repubblica di Castrovillari ha dissequestrato la foce del canale dello Stombi, nei fatti l'unica strada che permette, via mare, di entrare e uscire dal complesso nautico dei laghi di Sibari.

A rendere nota la notizia è stato il presidente dell’Associazione "Laghi di Sibari", Luigi Guaragna.

Il sequestro probatorio della foce del canale degli Stombi e dell’area circostante era stato eseguito il 6 ottobre del 2018 dagli uomini della Capitaneria di Porto e dai carabinieri Forestali di Corigliano, in esecuzione del decreto emesso il 5 ottobre scorso dal sostituto procuratore del Tribunale di Castrovillari, Angela Continisio.

«Il Comune di Cassano - scrive in una nota Luigi Guaragna - ci ha informati dell’avvenuta notifica del provvedimento di dissequestro da parte della magistratura. Una notizia che attendevamo da tempo con trepidazione e che ci riempie di gioia: quella di oggi è una giornata storica. Il faticoso lavoro portato avanti in questi mesi, spesso tra incomprensioni, amarezze e anche polemiche e attacchi gratuiti, è ampiamente ripagato dal risultato finale. Resterà tempo e modo per analizzare le responsabilità dei disastri passati: l’importante adesso è mettersi a lavorare perché i ritardi accumulati possano essere quanto meno ridotti, così da garantire il ripristino della navigabilità quanto prima, possibilmente già attorno alla metà di luglio. Noi abbiamo fatto la nostra parte, ai tavoli tecnici e nel confronto leale, e quando necessario severo e critico, con Comune e Regione, garantendo sempre piena collaborazione anche alla magistratura, le cui inchieste consideriamo salutari e anzi necessarie ai fini di un definitivo chiarimento della vicenda Stombi. Continueremo a fare il nostro. Già ieri abbiamo incontrato i tecnici del Comune e della società incaricata di procedere al completamento della benna dragante. Seguiremo ora l’evoluzione della vicenda con un solo obiettivo: fare in modo che i lavori di disinsabbiamento possano avere inizio al più presto».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?