Salta al contenuto principale

Decreto sicurezza, Corte costituzionale boccia ricorso

Non passa la linea delle Regioni (Calabria compresa)

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
La Corte costituzionale
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

CATANZARO - La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili i ricorsi contro il decreto sicurezza presentati dalle Regioni Calabria, Emilia Romagna, Marche, Toscana e Umbria, che ne hanno impugnato numerose disposizioni lamentando la violazione diretta o indiretta delle loro competenze.

La Corte ha ritenuto che le nuove regole su permessi di soggiorno, iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo e Sprar sono state adottate nell’ambito delle competenze riservate in via esclusiva allo Stato. 

«La Corte ha ritenuto che le nuove regole su permessi di soggiorno, iscrizione all’anagrafe dei richiedenti asilo e Sprar sono state adottate nell’ambito delle competenze riservate in via esclusiva allo Stato in materia di asilo, immigrazione, condizione giuridica dello straniero e anagrafi (articolo 117, secondo comma, lettere a, b, i, della Costituzione), senza che vi sia stata incidenza diretta o indiretta sulle competenze regionali».

«Resta impregiudicata ogni valutazione sulla legittimità costituzionale dei contenuti delle norme impugnate», sottolinea la Corte.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?