Salta al contenuto principale

Droga, nuovi arresti nell'ambito dell'operazione Santa Fé

La finanza esegue 4 ordinanze di custodia nel Reggino

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Un'auto della Finanza
Tempo di lettura: 
1 minuto 25 secondi

GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA) - Tre arresti in carcere ed uno ai domiciliari. Questo il bilancio dell'operazione portata a conclusione dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Catanzaro nei confronti di 4 persone della Piana di Gioia Tauro indagati nell'ambito dell'operazione "Santa Fè" condotta nel 2015 in sinergia con la Dea americana e la Guardia Civil spagnola condotta contro una organizzazione internazionale di narcotrafficanti.

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI RIGUARDO L'OPERAZIONE SANTA FÈ

A seguito delle ulteriori indagini e delle dichiarazioni delle persone arrestate nell'ambito dell'operazione Santa Fé la finanza ha potuto portare ulteriori elementi di prova che hanno portato il giudice per le indagini preliminari di Reggio Calabria di accogliere la richiesta di misura cautelare nei confronti di 4 soggetti.

LEGGI DEI SEQUESTRI DI BENI NELL'AMBITO DELL'OPERAZIONE

I provvedimenti, emessi dal gip di Reggio Calabria su richiesta della Dda reggina, hanno riguardato Beniamino De Santo, di 31 anni, Alessandro Mazzullo (33), Rosario Rao (35) e Giuseppe Tirintino (38), tutti della Piana di Gioia Tauro.

L’operazione Santa Fè, condotta dalla Guardia di finanza (sezione Goa del Gico e Scico di Roma) in sinergia con Dea e Guardia civil spagnola aveva consentito, nel giugno del 2015, di sgominare un’organizzazione internazionale di narcotrafficanti legata alla 'ndrangheta e di sequestrare oltre 4 tonnellate di cocaina purissima. Il filone italiano dell’inchiesta, in particolare, aveva evidenziato contatti, alleanze e collaborazioni tra gruppi criminali della locride e quelli dell’area tirrenica. L’organizzazione contava come principali promotori Francesco Marte,Antonio Femia, Nicodemo Fuda e fratelli Vincenzo e Giuseppe Alvaro che, in particolare, grazie ai loro numerosi contatti con operatori portuali erano in grado di pianificare il recupero dello stupefacente occultato all’interno di container trasportati sulle navi cargo in arrivo dalla Colombia in vari porti italiani. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?