Salta al contenuto principale

Omicidio Francesco Fiorillo, ecco come si è giunti alla soluzione del caso e agli arresti

Calabria
Chiudi

Francesco Fiorillo

Apri
Nella foto: 
La vittima Francesco Fiorillo
Tempo di lettura: 
2 minuti 12 secondi

GIANLUCA PRESTIA

Send mail

Giornalista Pubblicista dal 2000 e Professionista dal 2008, collabora col Quotidiano dal 2002 diventando poi redattore di Cronaca nera e giudiziaria ma spaziando anche in altri settori. 

VIBO VALENTIA - Un elemento importante ai fini dell'individuazione dei due arrestati (LEGGI LA NOTIZIA) per l'omicidio di Francesco Fiorillo (LEGGI LA NOTIZIAè stato offerto da Antonio Zuliani, fermato nel marzo dello scorso anno per lo stesso episodio (LEGGI LA NOTIZIA).

Il giovane di 27 anni di Piscopio, nel corso della detenzione carceraria ha infatti tirato in ballo Angelo Michele Arcangelo e Saverio Ramondino, entrambi già noti alle forze dell'ordine, dichiarandoli gli esecutori del delitto e scagionando se stesso. Allo stesso tempo ha però confermato di aver effettuato delle prove con le pistole, unitamente agli altri due complici, in una zona isolata a cavallo tra i comuni di Vibo e San Gregorio e che queste erano state recuperate da D'Angelo il quale sarebbe stato anche l'organizzatore del delitto.

GUARDA IL VIDEO DELLA RICOSTRUZIONE IN 3D
DELL'OMICIDIO DI FRANCESCO FIORILLO

 

Ha riferito poi le modalità con le quali è avvenuto il delitto e le fasi preparatorie. Zuliani era stato incastrato dal Dna isolato in un guanto in lattice rinvenuto nei pressi del delitto verificatosi lungo la Statale 18 a poche centinaia di metri dalla Stazione ferroviaria di Vibo-Pizzo. E proprio su questo aspetto l'indagato ha raccontato agli inquirenti della squadra Mobile che era stato lasciato lì, per ritorsione, da parte dei due altri indagati e la causale sarebbe stata la volontà del 27enne di non prendere parte al delitto. Ad ogni modo, le dichiarazioni rese da Zuliani hanno consentito agli uomini del capo della Mobile di Vibo, Giorgio Grasso e del suo vice Cristian Maffongelli, di stabilire il coinvolgimento nella vicenda di D'Angelo e Ramondino.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULL'OMICIDIO DI FRANCESCO FIORILLO

Le analisi tecniche, in particolare i tabulati telefonici, il tracciamento del gps dell'auto di D'Angelo, hanno portato a stabilire, soprattutto quest'ultimo, che la vettura si trovava al momento del delitto in una zona vicina, così come cinque giorni prima, quando si ritiene che fosse stato effettuato un sopralluogo per verificare le vie di fuga. Ramondino, temendo di essere individuato, avrebbe poi fatto pervenire un messaggio in carcere a Zuliani per il tramite la nonna di quest'ultimo in cui ammoniva l'amico che se avesse fatto il suo nome agli investigatori lui avrebbe, per contro, riferito loro di aver agito sotto le sue direttive.


 

La Procura di Vibo non ha ancora stabilito gli effettivi ruoli dei due indagati nell'agguato mortale, la presenza di un movente e di un mandante dell'omicidio di Francesco Fiorillo; la vittima, come emerso nella precedente indagine, ed in altre parallele (Operazione "Settimo Cerchio"), avrebbe avuto tendenze pedofile, oltre che precedenti per droga. Ecco perché le indagini sono ancora in corso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?