Salta al contenuto principale

La 'Ndrangheta si dà alle truffe, sequestri da 2,3 milioni di euro

Con atti falsi ottenuti risarcimenti dal ministero dell'Economia

Calabria
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

BOLOGNA - La 'ndrangheta si dà anche alle truffe ai danni dello Stato. La Dia, infatti, ha sequestrato beni per un valore di 2 milioni e 300 mila euro a carico di diversi soggetti ritenuti contigui alla cosca Grande Aracri originaria di Cutro e operante anche in Emilia Romagna e che proprio nelle ultime ore è stata colpita dall'inchiesta Grimilde che ha portato all'arresto di 16 persone (LEGGI LA NOTIZIA).

Per quanto riguarda i sequestri operati dalla Dia di Bologna, coordinata dal Procuratore della Repubblica, Giuseppe Amato, e dal sostituto Beatrice Ronchi, si tratta di una serie di provvedimenti di perquisizione e sequestro a carico di diversi soggetti criminali. L'attività investigativa è sorta come sviluppo dell’indagine Aemilia (SCOPRI I CONTENUTI SU AEMILIA), ed ha consentito di individuare un’operazione fraudolenta con cui l’organizzazione 'ndranghetistica emiliana, in concorso con esponenti della cosca 'Grande Aracri' di Cutro, ha realizzato un’ingente truffa ai danni del ministero dell’Economia e Finanze (c.d. "Affare Oppido").

Nello specifico, fa sapere la Dia, la truffa è stata realizzata sulla base di una sentenza falsificata, attestante un inesistente diritto risarcitorio. A quel punto il dicastero ha accreditato, nel mese di luglio del 2010, una somma di oltre due milioni di euro, ad una società riconducibile ad una famiglia di imprenditori edili calabresi, da anni trapiantati nella provincia di Reggio Emilia e contigui al sodalizio 'ndranghetistico emiliano.

L’affare truffaldino sarebbe stato ideato da un avvocato napoletano ed era stato prospettato alla 'ndrangheta emiliana, la quale aveva individuato un’impresa che presentasse idonee caratteristiche strutturali in funzione del notevole rimborso che sarebbe derivato dall’attività delittuosa.

Tale operazione, ricostruita a fronte delle dichiarazioni rese dai “collaboratori di giustizia” del processo Aemilia, ha visto coinvolti diversi esponenti di vertice del sodalizio 'ndranghetistico emiliano e della cosca “Grande Aracri” di Cutro, con la complicità di altri soggetti e professionisti. Le operazioni si sono svolte nella provincia di Reggio Emilia e nelle regioni Lombardia, Lazio, Campania e Calabria ed hanno visto impegnato il personale della DIA di Bologna, Firenze, Milano, Roma, Napoli e Catanzaro.

A conclusione di queste attività, anche attraverso un’analisi di polizia giudiziaria volta a svelare l’esistenza di articolate operazioni di occultamento di beni immobili e quote societarie (anche attraverso operazioni di esterovestizione in Costa d’Avorio e in Inghilterra), è stato sequestrato un patrimonio consistente in beni mobili ed immobili per un valore complessivo di 2 milioni e 300 mila euro, ricondotto a taluni indagati attraverso accertamenti patrimoniali svolti dalla Dia di Bologna.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?