Salta al contenuto principale

Catanzaro, ritrovati i corpi dei due giovani dispersi in mare

La corrente anomala presente li ha risucchiati a fondo

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
La motovedetta impegnata nelle ricerche
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

CATANZARO – Sono stati ritrovati nelle prime ore di questa mattina i corpi senza vita dei due giovani migranti dispersi dal pomeriggio di ieri a Catanzaro Lido (LEGGI LA NOTIZIA) dopo che, tuffatisi in mare per recuperare il pallone con cui stavano giocando, non sono più riemersi.

GUARDA IL VIDEO

Dopo che le ricerche, nella tarda serata di ieri, erano state sospese per la mancanza delle condizioni di sicurezza, questa mattina all'alba si sono rimesse in moto, individuando ben presto i corpi M.M e B.S., 25enni del Gambia, avvistati alle 7.15 da un elicottero messo a disposizione da Calabria Verde e poi recuperati da un mezzo della Guardia Costiera.


 

La tragedia, secondo le prime ricostruzioni, si sarebbe consumata intorno alle 17 di ieri, quando un gruppo di ragazzi stranieri – quasi tutti di origine africana – si trovava sull’arenile del quartiere marinaro del capoluogo, all’altezza del rione Murano.

I giovani stavano giocando con un pallone che, accidentalmente, è terminato in acqua. Il mare in quel momento – ma lo è stato anche nelle ore successive – era sostanzialmente calmo, sebbene il litorale catanzarese fosse sferzato da un insistente vento di ponente.

Quattro di questi ragazzi, così, non ci avrebbero pensato due volte e si sarebbero tuffati in acqua, nel tentativo di recuperare la palla. Qualcosa, però, sarebbe andato storto. A causa, forse, dell’anomala corrente. Due di loro, a fatica, sono riusciti a ritornare a riva (sono stati, in seguito, trasportati al pronto soccorso del nosocomio cittadino per le cure del caso), gli altri due, invece, sarebbero finiti sott’acqua senza più riemergere.

Scattato l’allarme, si è subito messa in moto la macchina dei soccorsi. Sul posto sono giunti gli uomini della Guardia Costiera, gli agenti della Polizia, i carabinieri, i vigili del fuoco e le ambulanze del 118. Una prima motovedetta della guardia costiera, di stanza a Catanzaro Lido, ha iniziato a perlustrare la zona, raggiunta da un altro mezzo proveniente da Crotone.

A sorvolare lo specchio d’acqua è prima giunto un elicottero della Guardia di Finanza, poi un altro dell'aeronautica militare. Intorno alle 19.30, sono poi giunti da Reggio Calabria i sommozzatori dei Vigili del Fuoco che hanno iniziato le immersioni. Questa mattina il triste epilogo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?