Salta al contenuto principale

Uccisi marito e moglie, ritrovato il figlio della coppia

Tragedia in Toscana. Il padre è di origini cosentine

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
Carabinieri del Ris
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

COSENZA - Duplice omicidio a Impruneta (Firenze), in un appartamento in via Luigi Longo, all’interno di un’abitazione privata, sono stati trovati due corpi senza vita. L’omicidio, secondo le prime notizie, sarebbe maturato in ambito familiare.

Le vittime sono marito e moglie: Osvaldo Capecchi, 68 anni, nato a Rossano Calabro (Cosenza) il 27 luglio 1949, pensionato, e la compagna Patrizia Manetti, 69 anni, nata a Firenze il 18 aprile 1949, entrambi residenti nell’appartamento in via Longo 7 a Impruneta. 

I corpi presentano entrambi ferite da arma da taglio e punta, probabilmente provocate da un coltello. I coniugi sono morti nella notte.

Nel primo pomeriggio è stato trovato e catturato Dario Capecchi, 43 anni, l’uomo che la notte scorsa avrebbe ucciso il padre 68enne, Osvaldo Capecchi, e la sua compagna, Patrizia Manetti, 69 anni nell’appartamento dove tutti e tre vivevano.

Il figlio, che soffrirebbe di problemi psichiatrici, si era allontanato con l’auto in uso alla famiglia, una Fiat Panda vecchio modello. I carabinieri hanno rintracciato l’autovettura su cui Dario Capecchi era scappato abbandonata sulla corsia di emergenza dell’A1 in direzione nord, nel comune di Calenzano (Firenze). Dario Capecchi si era allontanato a piedi e i militari dell’Arma lo hanno rintracciato nel territorio di Calenzano, dopo aver scavalcato la recinzione autostradale e aver attraversato i campi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?