Salta al contenuto principale

Omicidio Fortunata Fortugno, nuovo arresto della Mobile

L'uomo era presente al momento dell'agguato mortale

Calabria
Chiudi
Apri
Nella foto: 
La Questura di Reggio Calabria
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

REGGIO CALABRIA - Un nuovo arresto è stato messo a segno dalla Squadra mobile di Reggio Calabria nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Fortunata Fortugno, 48enne uccisa il 16 marzo dello scorso anno mentre si trovava appartata in auto con Demetrio Logiudice, di 53 anni, indicato dagli inquirenti come uno dei referenti della cosca Tegano, e che era l’obiettivo dell’agguato (LEGGI LA NOTIZIA).

Ad essere arrestato è stato Mario Chindemi, di 51 anni, zio di Paolo Chindemi, di 29 anni, arrestato lo scorso anno perché ritenuto l’esecutore materiale dell’agguato. Paolo Chindemi fu sottoposto a fermo il 4 luglio 2018 su disposizione della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria diretta dal procuratore Giovanni Bombardieri, nell’ambito dell’operazione "De bello Gallico".

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULL'OPERAZIONE DE BELLO GALLICO

Nella stessa operazione furono fermate altre tre persone, tra cui Mario Chindemi, accusati, però, non dell’omicidio, ma di associazione mafiosa e detenzione e porto in luogo pubblico di armi da fuoco, aggravati dalle modalità mafiose. Dopo il fermo, ai tre, i tecnici del Gabinetto regionale di Polizia Scientifica, prelevarono le impronte (anche palmari), per confrontarle con quella trovata sullo sportello posteriore destro dell’autovettura Volkswagen Touareg di Logiudice, a bordo della quale si trovavano le vittime al momento dell’agguato.

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SULL'OMICIDIO DI FORTUNATA FORTUGNO

La comparazione delle impronte ha permesso agli investigatori di accertare che l’impronta palmare rinvenuta sull'auto appartiene alla mano sinistra di Mario Chindemi, che, quindi, era presente, assieme al nipote Paolo, al momento dell’agguato. Successivi accertamenti svolti dalla Squadra mobile sui video relativi alla sera dell’agguato hanno permesso di accertare che nell’auto Audi A3 di Paolo Chindemi era presente un’altra persona. Gli elementi raccolti hanno quindi portato all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare che è stata notificata a Mario Chindemi nel carcere dove è detenuto.(ANSA).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?