X
<
>

Tempo di lettura 4 Minuti

Sono oltre 600 i contagi registrati nelle ultime 24 ore in Calabria, un numero record (non assoluto ma comunque tra i più alti mai registrati) che certifica una volta di più che nella Calabria zona Arancione il coronavirus covid 19 continua senza freni la sua corsa.

GUARDA LA VIDEO GRAFICA CON I DATI SALIENTI DEL BOLLETTINO ODIERNO SUL CORONAVIRUS DELLA REGIONE CALABRIA

Il bilancio del bollettino regionale del 23 aprile sulla diffusione della pandemia da coronavirus, pubblicato dal Dipartimento Tutela della salute e servizi sociali e socio-sanitari della Calabria, fa registrare anche altri 8 decessi legati al covid mentre si attenua, seppur di poco, la pressione sulle terapie intensive e sugli ospedali.

Sono, quindi, 610 i nuovi contagi rilevati e ufficializzati nel territorio calabrese, mentre nello stesso intervallo di tempo i guariti sono 264 e i nuovi decessi, come detto, sono 8.

Oggi i tamponi processati raggiungono quota 4.489 (ieri erano stati 3.872) con un indice di positività che passa al 13,59% mentre il tasso sale al 15,60% se si considerano solo i nuovi soggetti testati, che oggi sono stati 3.909 (ieri erano stati 3.220).

I test effettuati dall’inizio della pandemia salgono, così, a 745.978, per un totale di 695.108 persone controllate. Il totale dei casi rilevati dall’inizio dell’emergenza arriva a quota 57.078 mentre i tassi di positività generale dall’inizio della pandemia in Calabria sono pari al 7,65%, se si considerano i positivi per tampone effettuato, e all’8,21%, se si considerano i positivi per persona testata.

La situazione dei contagi

casi attivi si attestano a quota 14.573 (+338 rispetto a ieri). Ciò è dovuto al saldo tra i nuovi contagi (610), i guariti (264) registrati nelle ultime 24 ore (il totale delle persone che hanno superato la malattia dall’inizio della pandemia sale a 41.530) e 8 vittime (1 a Cosenza, 2 a Catanzaro, 2 a Reggio Calabria e 3 a Crotone). Il totale dei decessi sale a quota 975 con un tasso di mortalità in Calabria che passa all’1,71% (invariato rispetto a ieri). Mentre i tassi di mortalità a livello provinciale sono i seguenti:

  • Catanzaro – 115 decessi – 1,37%
  • Cosenza – 439 decessi – 2,32%
  • Crotone – 71 decessi – 1,36%
  • Reggio Calabria – 273 decessi – 1,40%
  • Vibo Valentia – 77 decessi – 1,61%

Percentuale di casi positivi in rapporto alla popolazione

  • Calabria 3,01% (57.078 casi su 1.894.110 abitanti)
  • Cosenza 2,73% (18.908 casi su 690.503 abitanti)
  • Catanzaro 2,40% (8.388 casi su 349.344 abitanti)
  • Crotone 3,08% (5.206 casi su 168.581 abitanti)
  • Reggio Calabria 3,65% (19.422 casi su 530.967 abitanti)
  • Vibo Valentia 3,08% (4.776 casi su 154.715 abitanti)

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SUL CORONAVIRUS IN CALABRIA

I soggetti in isolamento domiciliare diventano 14.069 (+345), così ripartiti: 7.807 in provincia di Cosenza, 2.716 in provincia di Catanzaro, 982 in provincia di Crotone, 380 in provincia di Vibo Valentia, 2.115 in provincia di Reggio Calabria e 69 tra gli extraregionali (non residenti o stato estero).

Scendono i ricoveri in reparti ordinari che passano a quota 461 (-6) così ripartiti: la provincia di Catanzaro ospita 84 persone contagiate, Cosenza 186, Reggio Calabria 132, Crotone 44 e Vibo Valentia 15.

Scendo anche i pazienti in terapia intensiva che si attestano a 43 (-1), così ripartiti: 16 a Cosenza, 9 a Reggio Calabria e 14 a Catanzaro. Il bollettino sotto questo punto di vista continua a presentare un’incongruenza già rilevata nei giorni scorsi: nel report generale vengono certificati 43 pazienti in rianimazione, ma nel dettaglio provinciale la somma dei soggetti ricoverati a Cosenza, Reggio Calabria e Catanzaro arriva a quota 39.

I casi scoperti e confermati oggi nelle varie province calabresi sono così suddivisi (tra parentesi il totale dei casi attivi nelle rispettive province):

  • Cosenza: 395 (8.013). In merito l’Asp di Cosenza comunica che i casi confermati di oggi includono 115 soggetti positivi relativi a 421 tamponi complessivi pervenuti nel pomeriggio del 22/04/2021 dopo la comunicazione alla Protezione Civile
  • Catanzaro: 52 (2.814)
  • Crotone: 36 (1.026)
  • Vibo Valentia: 11 (395)
  • Reggio Calabria: 116 (2.256)
  • Altra Regione o stato Estero: 0 (69)

Territorialmente, dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono così distribuiti:

Cosenza: CASI ATTIVI 8.013 (102 in reparto AO di Cosenza; 37 in reparto al presidio di Rossano; 18 al presidio ospedaliero di Acri; 29 al presidio ospedaliero di Cetraro; 0 all’Ospedale da Campo; 16 in terapia intensiva, 7.807 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 10.895 (10.456 guariti, 439 deceduti).

Catanzaro:  CASI ATTIVI 2.814 (52 in reparto all’AO di Catanzaro; 10 in reparto al presidio di Lamezia Terme; 22 in reparto all’AOU Mater Domini; 14 in terapia intensiva; 2716 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 5.574 (5.459 guariti, 115 deceduti).

Crotone:  CASI ATTIVI 1.026 (44 in reparto; 982 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 4.180 (4.109 guariti, 71 deceduti).

Vibo Valentia: CASI ATTIVI 395 (15 ricoverati, 380 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 4.381 (4.304 guariti, 77 deceduti).

Reggio Calabria: CASI ATTIVI 2.256 (101 in reparto all’AO di Reggio Calabria; 31 in reparto al P.O di Gioia Tauro; 9 in terapia intensiva; 2.115 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 17.166 (16.893 guariti, 273 deceduti).

Altra Regione o Stato estero: Altra Regione o Stato estero: CASI ATTIVI 69 (69 in isolamento domiciliare); CASI CHIUSI 309 (309 guariti).

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA

shares