X
<
>

Condividi:

Non migliorano i dati sulla diffusione della pandemia e, a meno di clamorose sorprese, la Calabria si prepara a diventare zona gialla. Il cambio di colore sarà giustificato principalmente dal superamento delle soglie di allerta tanto per i ricoveri ordinari quanto per i pazienti in terapia intensiva.

I nuovi casi di coronavirus scoperti nelle ultime 24 ore sono ancora tanti, quasi 400, con un tasso di positività che torna a salire, sfiorando il 9%. Per ogni nuovo guarito ci sono quasi tre contagi, il che comporta ovviamente l’ennesimo aumento dei casi attivi di Covid-19 in regione.

Nel dettaglio, il bollettino sul Covid-19 in Calabria del 9 dicembre 2021, diffuso dal dipartimento Protezione Civile della Regione, certifica in 375 i nuovi contagi (di cui oltre 150 solo nel Reggino) mentre nello stesso intervallo di tempo i guariti sono 138. Tre i decessi legati al virus ufficializzati nelle scorse 24 ore.

Oggi i tamponi processati raggiungono quota 4.471 con un indice di positività che risale all’8,39%. I test effettuati dall’inizio della pandemia salgono, così, a 1.480.465. Il totale dei casi rilevati dall’inizio dell’emergenza legata alla pandemia da Coronavirus Covid 19 arriva a quota 95.825 mentre il tasso di positività generale dall’inizio della pandemia in Calabria si attesta al 6,47%.

La situazione dei contagi

casi attivi salgono a quota 5.953 (+234 rispetto a ieri). Ciò è dovuto al saldo tra i nuovi contagi (375), i guariti (138) registrati nelle ultime 24 ore (il totale delle persone che hanno superato la malattia dall’inizio della pandemia sale a 88.355) e i decessi (3).

Con i tre decessi di oggi (uno in provincia di Reggio Calabria, uno in provincia di Cosenza e uno in quella di Crotone) il totale dei decessi sale a quota 1.517 con un tasso di mortalità in Calabria che si scende all’1,58%. Mentre i tassi di mortalità a livello provinciale sono i seguenti:

  • Catanzaro – 167 decessi – 1,33%
  • Cosenza – 685 decessi – 2,25%
  • Crotone – 122 decessi – 1,32%
  • Reggio Calabria – 425 decessi – 1,24%
  • Vibo Valentia – 108 decessi – 1,38%
  • Altra Regione – 10 decessi – 0,66%

Percentuale di casi positivi in rapporto alla popolazione

Da inizio pandemia ha contratto il covid in Calabria il 5,06% della popolazione. Il dato più alto, per come si evince dal Bollettino sul coronavirus covid in Calabria del 9 dicembre, si registra sempre in provincia di Reggio Calabria dove la percentuale di contagio della popolazione sale al 6,45%. Ecco il dato provincia per provincia:

  • Calabria 5,06% (95.825 casi su 1.894.110 abitanti)
  • Cosenza 4,40% (30.405 casi su 690.503 abitanti)
  • Catanzaro 3,59% (12.554 casi su 349.344 abitanti)
  • Crotone 5,49% (9.254 casi su 168.581 abitanti)
  • Reggio Calabria 6,45% (34.291 casi su 530.967 abitanti)
  • Vibo Valentia 5,05% (7.809 casi su 154.715 abitanti)

SCOPRI TUTTI I CONTENUTI SUL CORONAVIRUS IN CALABRIA

I soggetti in isolamento domiciliare diventano 5.769 (+235), così ripartiti:

  • 2.114 in provincia di Cosenza,
  • 583 in provincia di Catanzaro,
  • 227 in provincia di Crotone,
  • 502 in provincia di Vibo Valentia,
  • 2.217 in provincia di Reggio Calabria
  • 126 tra gli extraregionali (non residenti o stato estero).

La situazione negli ospedali secondo il bollettino sul coronavirus covid in Calabria del 9 dicembre

I ricoveri in reparti ordinari scendono a quota 164 (-4) così ripartiti:

  • Catanzaro e provincia 24 persone contagiate
  • Cosenza e provincia 77 persone contagiate
  • Reggio Calabria e provincia 52 persone contagiate
  • Crotone 3 persone contagiate
  • Vibo Valentia 8 persone contagiate
  • Altra Regione 0 stato estero 0 persone contagiate

Aumentano, invece, i pazienti in terapia intensiva che si attestano a quota 20 (+3), così ripartiti: 6 a Catanzaro, 9 a Cosenza, 5 a Reggio Calabria.

In base alle decisioni prese dalla cabina di regia per il passaggio in zona gialla vengono prese in considerazione le percentuali di ospedalizzazione sul totale dei posti disponibili: la soglia viene fissata al 15% per le aree non critiche e, contemporaneamente, al 10% per le terapie intensive. Ad oggi in Calabria sono disponibili 979 posti letto complessivi in area medica, occupati al 16,7%, mentre in terapia intensiva sono disponibili 181 posti (più 3 indicati da Agenas come potenzialmente attivabili), occupati all’11% (GUARDA SU AGENAS I DATI IN DETTAGLIO).

I casi scoperti ripartiti per provincia di riferimento

I casi scoperti e confermati oggi nelle varie province calabresi sono così suddivisi (tra parentesi il totale dei casi attivi nelle rispettive province):

  • Cosenza: 65 (2.200)
  • Catanzaro: 75 (613)
  • Crotone: 44 (230)
  • Vibo Valentia: 31 (510)
  • Reggio Calabria: 159 (2.274)
  • Altra Regione o Stato Estero: 1 (126)

L’ Asp di Cosenza comunica nel Setting fuori regione un nuovo caso a domicilio.

Condividi:

COPYRIGHT
Il Quotidiano del Sud © - RIPRODUZIONE RISERVATA